Concorso straordinario
Concorso straordinario

Nuovo concorso straordinario, quello previsto dal decreto Sostegni Bis e da svolgersi entro la fine del 2021: come è noto, la nuova procedura concorsuale sarà riservata ai docenti non compresi tra quelli che partecipano alle assunzioni da Graduatorie Provinciali per le Supplenze (GPS) ed elenchi aggiuntivi.

Inoltre, il nuovo concorso è riservato ai docenti che abbiano svolto, entro il termine di presentazione delle domande di partecipazione, tre annualità di servizio nelle scuole statali, anche non consecutive, negli ultimi cinque anni, di cui una specifica, ossia prestata nella classe di concorso per cui si partecipa.

Nuovo concorso straordinario entro il 31 dicembre: computo delle annualità di servizio

Per quanto riguarda il calcolo delle tre annualità di servizio, la valutazione dev’essere effettuata secondo quanto indicato dal comma 14 dell’articolo 11 della legge N. 124/99. Qui si legge: ‘Il comma 1 dell’articolo 489 del testo unico è da intendere nel senso che il servizio di insegnamento non di ruolo prestato a decorrere dall’anno scolastico 1974-1975 è considerato come anno scolastico intero se ha avuto la durata di almeno 180 giorni oppure se il servizio sia stato prestato ininterrottamente dal 1° febbraio fino al termine delle operazioni di scrutinio finale.’

Dunque, per annualità di servizio, dunque, bisogna intendere il servizio prestato per almeno 180 giorni o il servizio prestato ininterrottamente dal 1° febbraio sino al termine delle operazioni di scrutinio.

Nel testo di legge, inoltre, viene specificato che le tre annualità di servizio devono essere state svolte nelle scuole statali: quindi, non può essere conteggiato il servizio svolto nelle scuole paritarie né nei percorsi IeFP.

Per quanto concerne il grado di scuola, eccezion fatta per l’anno di servizio specifico per la cdc per cui l’aspirante docente partecipa al nuovo concorso straordinario, le altre due annualità potranno riguardare altre cdc e di grado diverso. Ok anche per le annualità svolte su sostegno, anche senza titolo di specializzazione, come riporta Orizzonte Scuola.

Supplenze 2021/22 e nuovo concorso straordinario

Per quanto concerne, invece, il servizio di supplenza svolto quest’anno, occorre considerare che le domande di partecipazione andranno inviate sicuramente (stando a quanto contenuto nel decreto Sostegni Bis) prima del mese di dicembre 2021. Considerando quanto sopra esposto (articolo 11/14 della legge 124/1999), le supplenze relative all’anno scolastico appena iniziato non potranno concorrere al raggiungimento delle tre annualità di servizio richieste quale requisito per la partecipazione al nuovo concorso straordinario. 

Naturalmente, tale normativa sarà da tenere in considerazione in caso di conferma di effettuazione della procedura concorsuale entro la fine di quest’anno: qualora non dovesse essere rispettata tale tempistica, il tutto dovrà essere necessariamente rivisto.