Specializzazione sostegno in Romania: il Ministero pronto a riconoscete tutti i titoli conseguiti in UE
Specializzazione sostegno in Romania: il Ministero pronto a riconoscete tutti i titoli conseguiti in UE

Riconosciuto mediante una sentenza del Consiglio di Stato il titolo di specializzazione sul sostegno conseguita in Romania da parte di un ricorrente. Si tratta di una sentenza epocale che apre le porte al riconoscimento dei percorsi formativi e dei titoli svolti e conseguiti dai docenti in tutti gli Stati membri dell’Unione Europea.

Il Ministero dell’Istruzione dovrà soltanto comparare i titoli conseguiti dai docenti/formatori e riconoscere la loro validità in Italia.

Il Ministero dovrà valutare ed eventualmente riconoscere tutti i titoli di specializzazione sostegno conseguiti nei paesi UE

Il Consiglio di Stato con la Sentenza del 19/7/2021 n. 05415/2021 affronta il contenzioso riguardante l’impugnazione dei provvedimenti ministeriali di diniego del percorso formativo seguito in Romania e in tutti gli altri Stati membri.

Sono state innumerevoli le Sentenze dei vari Tribunali amministrativi delle regioni italiane che hanno dato sempre ragione ai ricorrenti in possesso di titoli conseguiti all’estero.

Non è stato mai messo in discussione dalla magistratura il valore legale dei titoli professionali relativi a percorsi psicopedagogici sulle materie inerenti il sostegno. Sinora, solo il Ministero ha negato il loro riconoscimento non ritenendo validi e conformi gli stessi alla legge.

Il Consiglio di Stato con questa sentenza accoglie le richieste dei ricorrenti e invita il ministero a valutare le certificazioni ottenute all’estero dagli stessi. Nel contempo dovrà attenersi nell’atto della valutazione ai principi comunitari con la limitazione della discrezionalità amministrativa.

Di fatto il dispositivo del Consiglio di Stato impone al ministero di procedere esclusivamente alla comparazione del titolo di specializzazione sul sostegno conseguito all’estero.

Ecco le precisazioni del Consiglio di Stato contenute in un’altra sentenza dello scorso febbraio 2020: “La p.a è chiamata unicamente alla valutazione indicata dalla giurisprudenza appena richiamata, cioè alla verifica che, per il rilascio del titolo di formazione ottenuto in un altro Stato membro al termine di formazioni in parte concomitanti, la durata complessiva, il livello e la qualità delle formazioni a tempo parziale non siano inferiori a quelli delle formazioni continue a tempo pieno” (Consiglio di Stato, sez. VI, 17 febbraio 2020, n. 1198).

Una svolta sul riconoscimento dei titoli conseguiti all’estero?

A questo punto, il Ministero dell’Istruzione avrà il dovere di esaminare la documentazione in egual misura rispetto alle indicazioni fornite dalla giurisprudenza europea. In particolare, il ministero valuterà sia la qualificazione attestata dai diplomi, certificati e altri titoli che l’esperienza professionale maturata dagli interessati nel settore e, dall’altro, la qualificazione professionale richiesta dalla normativa nazionale per l’esercizio della professione corrispondente.

Dopo questa prima fase valutativa oltre che comparativa, il ministero dovrà verificare se sussistono le condizioni per accogliere le istanze di riconoscimento delle istanze presentate dai docenti/formatori in sede procedimentale.