Rientro a scuola, vaccinati si, ma immunizzati no: Anief chiede sicurezza e non parole rassicuranti
Mascherina in classe, cosa sta per cambiare

Stanno per cambiare le disposizioni sulla mascherina in classe. L’obbligo di utilizzo, non sarà più legato all’età dello studente, ma al gradi di scuola. Inoltre, il Ministero intende favorire l’eliminazione della mascherina nelle classi in cui tutti sono vaccinati. Vediamo i dettagli.

Obbligo mascherina in classe, cosa cambia

L‘obbligo della mascherina in classe, sarà legato al grado di scuola: all’infanzia nessun obbligo, dalla primaria in poi sì. Il dossier che accompagna la modifica della normativa, spiega che:

“non pare necessario l’utilizzo della mascherina nella scuola dell’infanzia anche per i piccoli che hanno compiuto 6 anni e invece pare necessario lo sia nella scuola primaria, anche per gli alunni che i 6 anni li debbono ancora compiere”.

C’è anche una novità rispetto all’anno scorso: gli insegnanti dell’infanzia e coloro che svolgono servizio in classi con alunni esonerati dall’obbligo dell’utilizzo delle mascherine, utilizzano le FFp2 e Ffp3.

In arrivo la deroga all’uso delle mascherine?

Come annunciato dal ministro Bianchi, l’intenzione del Ministero è di derogare l’obbligo della mascherina nelle classi formate da studenti vaccinati o con certificato di guarigione dal Covid. Questo, nonostante alcuni studi recenti dimostrano che sarebbe prudente evitare tale iniziativa.

Come riporta il dossier al decreto Green pass approvato dal Senato giovedì, è possibile una deroga all’obbligo di utilizzo delle mascherine. Sarà possibile per le classi composte da studenti che abbiano tutti completato il ciclo vaccinale o abbiano un certificato di guarigione in corso di validità. Riguarda solo le classi composte da studenti sopra i 12 anni di età, visto che il vaccino non è previsto per gli under 12.

Ma affinché la misura sia resa attuativa, è necessario che il Ministero emani una circolare apposita. L’andamento dei contagi determinerà la decisione.