Il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi
Il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa inviatoci dal gruppo Facebook dei lavoratori fragili ed inidonei.

Lavoratori fragili ed inidonei: ‘Appello al Ministro dell’Istruzione Bianchi’

Nel decreto 111 che sta per essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale, la sorveglianza sanitaria eccezionale viene estesa fino al 31 dicembre.

La cosa che ci chiediamo è come mai il Ministro del Lavoro Orlando ed il Ministro Speranza non si siano accorti che la “tutela” da loro prorogata stia creando problematiche non indifferenti a questi lavoratori. Ci chiediamo anche dove sia il Ministro Bianchi con i suoi Sottosegretari Floridia e Sasso, dato che vi sono molti collaboratori scolastici dichiarati inidonei e che con tutta la fantasia possibile ed immaginabile non riusciamo a capire cosa potrebbero fare in smart working.

Vi sono anche molti insegnanti dichiarati inidonei e che non riusciamo a capire perché non vengano utilizzati in smart working con corsi di recupero ai ragazzi. Si continuano a lasciare a casa in malattia d’ufficio questi docenti che vorrebbero lavorare da casa… invitiamo il Ministro Bianchi ed i suoi sottosegretari a voler utilizzare queste risorse importanti per l’istruzione del nostro Paese.

Insieme al Sindacato SNALV Confsal che ha voluto vederci continueremo a chiedere a gran voce il diritto al lavoro per chi potrebbe fare smart working e non gli viene concessa tale opportunità ed il diritto ad una tutela piena per coloro che sono realmente impossibilitati ad eseguire smart working.

Il gruppo Facebook dei LAVORATORI FRAGILI (oncologici, immunodepressi, in terapia salvavita, art. 3 comma 3 legge 104) e LAVORATORI INIDONEI giudicati tali dal medico competente (secondo la sorveglianza sanitaria eccezionale) nasce con lo scopo di confrontarsi in questo periodo di pandemia, per condividere aggiornamenti normativi volti a tutelare le suddette categorie di lavoratori (fragili ed inidonei).