Comunicato Stampa On. Alessandro Fusacchia (Misto)
Comunicato Stampa On. Alessandro Fusacchia (Misto)

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa dell’On. Alessandro Fusacchia, componente della Commissione VII – Cultura, Scienza e Istruzione, relativamente alla proposta di legge sulla doppia laurea, in discussione la prossima settimana alla Camera dei Deputati.

Doppia Laurea: Fusacchia, approvazione alla Camera svolta storica

“Lunedì prossimo arriva in Aula alla Camera dei Deputati per discussione generale la proposta di legge su doppia laurea. Dopo l’approvazione del testo già avvenuta all’unanimità in Commissione Istruzione prima dell’estate, si avvicina così sempre di più il momento in cui aboliremo questo anacronistico divieto di iscrizione contemporanea a due corsi di laurea che resiste da quasi un secolo. Questa legge darà a tantissimi giovani un’opportunità in più di immaginare liberamente il proprio percorso di studio e di vita”, dichiara l’Onorevole Alessandro Fusacchia, relatore per la proposta e promotore della campagna che, iniziata dai social, sta coinvolgendo ragazze e ragazzi in tutta Italia.

“I mestieri e i lavori più interessanti del prossimo futuro richiederanno competenze diverse e trasversali. Abbiamo bisogno di università italiane pronte a rispondere alle aspettative degli studenti e del mercato del lavoro”. Fusacchia ha già illustrato la proposta di legge alla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI) lo scorso 23 settembre ricordando che “anche dopo l’approvazione sarà necessario un grande lavoro in fase di attuazione. La disponibilità di ogni singolo Ateneo sarà fondamentale per facilitare le doppie iscrizioni”.

“Dopo l’approvazione alla Camera, che potrebbe avvenire già la prossima settimana, inizierò un tour in Italia presso università e scuole per presentare la legge. Serve una grande mobilitazione per assicurarci che anche il Senato la approvi in tempi rapidi e che tutto il sistema universitari la viva come una grande occasione. E serve che tanti giovani, a partire da quelli che stanno frequentando gli ultimi anni di scuola, sappiano di questa imminente nuova possibilità”, conclude Fusacchia.