Aula vuota
Aula vuota

La tanto richiesta e la tanto attesa proroga per i contratti relativi all’organico Covid è arrivata: ieri il governo ha deliberato in merito accogliendo le pressioni del mondo della scuola e dei sindacati. Anche per quest’anno scolastico 2021/22 quindi si potrebbero stipulare fino a giugno i contratti sull’organico aggiuntivo covid. Di seguito il punto della questione.

Proroga per i contratti dell’organico Covid

L’attesa per la proroga dei contratti delle supplenze da organico Covid è finita ieri sera, 19 ottobre: il governo ha dato il via libera all’estensione delle nomine fino a giugno 2022. Storia travagliata, ma fortunatamente a lieto fine. A seguito della riunione del Consiglio dei Ministri per l’approvazione della Legge di Bilancio, infatti, ha accettato le richieste di sindacati e mondo della scuola: la motivazione che ha portato a questa decisione è quella di supportare le scuole nella fase finale, si spera, dell’emergenza sanitaria.

Era una misura che circolava in parte anche nel mondo politico, infatti alcuni esponenti auspicavano questo provvedimento tanto atteso: si ricordi ad esempio l’emendamento di Vittoria Casa accolto come ordine del giorno dal Governo i l 9 settembre scorso.

Situazione attuale

Il via libera da parte del governo, tuttavia, non comporta che da oggi 20 ottobre la proroga dei contratti relativi all’organico covid sia valida: occorre infatti anche l’approvazione da parte del Parlamento con la convalida ufficiale delle Legge di Bilancio. Al momento, quindi, la situazione rimane invariata. Tuttavia, tenuto conto del parere espresso dal governo, il Parlamento quasi sicuramente proseguirà su questa scia: prima del 30 dicembre  così arriverà la proroga dei contratti fino a giugno 2022.

Personale coinvolto

Fino a questo momento con l’espressione organico covid si è fatto riferimento sia al corpo docente che al personale ATA. Tuttavia, nel comunicato rilasciato dal Governo si menzionano i soli insegnanti, senza accenni al personale ATA. Si legge infatti: “Viene disposta la proroga fino a giugno dei contratti a tempo determinato stipulati dagli insegnanti durante l’emergenza Covid-19”. Occorrerà attendere delucidazioni da parte del Ministero dell’Istruzione sulla nota emessa da Palazzo Chigi.