Guardia di Finanza
Guardia di Finanza

Personale ATA assunto con titoli falsi, con un danno erariale stimato in 2 milioni di euro. E’ quanto scoperto dalla Guardia di Finanza di Treviso, che ha portato a termine l’operazione “101 e lode”. Presso diverse scuole, dal 2018 al 2020, personale ATA privo di validi titoli culturali e di servizio era stato assunto, con contratto a tempo determinato. Sono state denunciate 101 persone.

Assunzioni supplenti ATA con titoli falsi a Treviso

Le assunzioni ATA, effettuate in base alla posizione ricoperta dai candidati nella graduatoria, erano correlate al bando per il triennio scolastico 2017/2020. Alcuni candidati si erano posizionati ai primi posti in modo scorretto. Avevano dichiarato di essere in possesso di diplomi di qualifica professionale con votazione di 100/100, o di altre specifiche esperienze professionali.

Le Fiamme Gialle hanno accertato che i diplomi erano stati conseguiti in un ristretto numero di istituti scolastici delle province di Salerno, Benevento e Avellino (già oggetto di inchieste giudiziarie in quanto sospettati di essere dei “diplomifici” ), e i titoli di servizio presso improbabili scuole paritarie. In alcuni casi, i diplomi erano del tutto falsi.

Gli interessati sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Treviso per falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico, reato punito con la reclusione fino a due anni.