Medicane

Secondo le ultime notizie di oggi 28 ottobre, la Sicilia trema ancora a causa del maltempo. L’allerta meteo è alta, tanto che in molti comuni della provincia di Catania (e non solo) si è decisa la sospensione delle attività didattiche e la chiusura di tutte le attività non essenziali. Gli esperti parlano del possibile arrivo di un ‘Medicane‘ nella giornata di domani.

La Sicilia trema aspettando Medicane: è allerta meteo

Il maltempo continua a preoccupare la Sicilia orientale, soprattutto Catania e Siracusa. Questa mattina Rai News ha avvisato di una burrasca da Est forza sette che stava battendo lo Stretto di Sicilia, con isolati temporali. Un bollettino meteo, ‘che sembra più di guerra’, commenta la testata. Il maltempo nei giorni scorsi ha già provocato al Sud due morti, e un disperso, oltre ai danni materiali e ai disagi per l’interruzione di energia elettrica e fornitura di acqua in alcuni comuni.

Secondo Mario Marcello Miglietta, ricercatore dell’Isac Cnr esperto di cicloni, il vortice che si sta creando in mare aperto tra la Sicilia e Malta secondo “l’ultima traiettoria disponibile, anche se speriamo cambi, dice che impatterà sulle coste del sud della Sicilia intorno a venerdì“. Il rischio è che sia come Ionas, il medicane che l’anno scorso colpì la Grecia con venti a 180 Km orari. La speranza è che cambi rotta.

Il ciclone che fa paura

Secondo le ultime notizie di oggi, i modelli indicano che il ciclone – per via di venti  e correnti – si sta dirigendo verso nordovest e puntando verso Sicilia e Calabria. Il ciclone porta raffiche fortissime, nubi cariche di pioggia e venti oltre i 100-120 chilometri orari. Il rischio alluvioni è altissimo e le zone costiere sono quelle più in pericolo.

Il probabile arrivo sulla costa ionica della Sicilia e della Calabria è stimato tra la tarda serata di oggi e domani. Se dovesse impattare con la terra la zona interessata, secondo le previsione dei meteorologi, sarà sferzata da venti tempestosi, piogge battenti e insistenti per oltre 24-48 ore. La raccomandazione per tutti è di non uscire di casa, se non per vere necessità.