Uscita anticipata
Uscita anticipata

Pensioni anticipate 2022: le tre vie per lasciare il mondo del lavoro prima. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle nuove misure che potrebbero entrare in vigore l’anno prossimo, alla scadenza di Quota 100.

Pensioni anticipate 2022

Secondo quanto emerso nel corso delle ultime consultazioni tra governo, sindacati e partiti, sembrerebbe proprio che allo scadere di Quota 100, sul fronte pensionistico, si ritornerà alla cosiddetta Legge Fornero.

Tuttavia, per scongiurare l’effetto scalone, le forze politiche hanno proposto una serie di strade alternative per far sì che i lavoratori prossimi alla pensione possano lasciare il lavoro prima dei 67 anni.

A partire dal prossimo anno, infatti, oltre che con la pensione anticipata ordinaria che prevede l’uscita dal mondo del lavoro con 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne, potrebbero esserci altre tre vie possibili:

Vediamole nel dettaglio.

Le tre opzioni per lasciare prima il mondo del lavoro

Come abbiamo anticipato, a partire dal prossimo anno con la scadenza di Quota 100 lasciare in anticipo il mondo del lavoro diventerà certamente più difficile.

Tuttavia, il governo ha proposto tre soluzioni alternative che, se dovessero passare, permetterebbero ai lavoratori di andare in pensione prima dei 67 anni di età.

Tra queste c’è la cosiddetta Quota 102 che consentirebbe l’uscita a 64 anni di età e 38 di contributi.

Con l’Ape sociale, invece, i lavoratori in possesso di tutti i requisiti necessari potrebbero addirittura andare in pensione un anno prima, vale a dire a 63 anni.

Infine, grazie ad Opzione donna le lavoratrici potrebbero lasciare il lavoro a 60 anni (61 le autonome), purché in possesso di 35 anni di contributi da maturare entro il 31 dicembre del 2021.