Una classe vuota all'interno di una Scuola
Una classe vuota all'interno di una Scuola

A Milano una scuola su quattro possiede problemi di carenza di organico. Mancano gli insegnanti supplenti e i genitori del capoluogo lombardo oramai sono esasperati. Un sondaggio mette in chiaro le principali criticità del sistema scuola a Milano. Si ipotizza persino il reclutamento dei prof in pensione per arginare il grave problema della mancanza di supplenti.

Carenza di organici a scuola: a Milano molti insegnanti dicono no alle supplenze

La grave situazione è venuta fuori grazie anche ad un questionario, condotto fra il 18 e il 28 ottobre, lanciato dal movimento ‘Priorità alla Scuola’; il report ha riguardato in tutto 243 istituti pubblici milanesi del primo ciclo d’Istruzione, dall’infanzia alle medie.

Il dato più preoccupante del questionario riguarda la carenza dei servizi pre e post scuola alle scuole dell’Infanzia e Primaria. Spesso – si legge tra i dati del questionario – il pranzo dei più piccoli avviene nei propri banchi e non all’interno della mensa dell’Istituto. Sulle attività didattiche poi la situazione è peggiore. Molte ore sono trascorse in classe guardando i cartoni animati alla LIM, il tutto per tenere buoni gli alunni.

Indagine ‘Priorità alla Scuola’, maggiori criticità? Tempo scuola, rapporto scuola/famiglia e servizi pre e post didattica

Altro punto labile dell’attuale situazione, il rapporto scuola/famiglia. Ne parla Chiara Ponzini, la fondatrice del movimento “Priorità alla Scuola’, movimento che ha stilato il rapporto/questionario in oggetto.

Manca il tempo pieno, e sull’argomento la Ponzini dichiara: “I dati non sono confortanti: il tempo pieno è fondamentale, permette alle mamme di lavorare e le donne sono state particolarmente penalizzate nella pandemia da questo punto di vista”.

Ma di chi è la colpa di tutto questo? Qualcuno sostiene che è dell’algoritmo ministeriale messo a punto per provvedere a smistare in tempo untile (già questa estate) i supplenti. Ma il famoso applicativo a quanto pare ha fatto acqua da tutte le parti: errori e comportamenti poco corretti degli aspiranti docenti (molti non si sono presentati alle convocazioni) hanno determinato i problemi attuali.

Cercasi insegnanti di Italiano e Matematica a Milano: si ipotizza il reclutamento dei prof già in pensione

Anche i Dirigenti Scolastici sono allo stremo. Al Liceo Classico ‘Beccaria’ di Milano hanno già dato buca ben tre candidati supplenti per ricoprire una cattedra scoperta di greco e latino. Le famiglie degli alunni di questo famoso Liceo sono su tutte le furie. La Preside, Simonetta Cavalieri intanto dichiara: “Prima che possa nominarle io, l’Ufficio scolastico dovrà riscorrere le graduatorie e passeranno altri quindici giorni. Questo meccanismo non funziona”.

E poi c’è il problema endemico, nella scuola media, di alcune discipline ritenute imprescindibili, come per esempio la matematica. Qui regna il deserto assoluto in fatto di candidati.

E allora si corre ai ripari con le misure estreme. Qualcuno suggerisce di ricorrere al reclutamento dei docenti di matematica in pensione o dei volontari, utilizzando il fondo del Piano Estate per eventuali progetti ad hoc sul potenziamento di questa importante disciplina.

I sindacati, infine, parlano di un urgente cambiamento che deve tenere conto di nuovo sistema di reclutamento a cadenza annuale.