Stipendi per il personale scolastico
Stipendi per il personale scolastico

Dopo la pubblicazione della bozza della nuova Legge di Bilancio 2022 i sindacati si sono subito allarmati per la presenza di questi due aspetti che caratterizzeranno la differenziazione stipendiale dei lavoratori della scuola.

Legge di Bilancio 2022: si ‘ripunta’ alla meritocrazia del personale scolastico

Oramai sembra chiara l’intenzione del Governo di differenziare i compensi del personale scolastico basandoli su criteri meritocratici. Lo stesso vale per la tematica della contrattazione sindacale, aspetto quest’ultimo ripreso dalla legge 205/2017.

Probabilmente Mario Draghi e il ministro Patrizio Bianchi vorrebbero riportare in auge quei canoni tanto cari all’ex premier Renzi, riguardanti i criteri per individuare e premiare i professori più ‘bravi’; un modo come un altro per penalizzare invece tutti gli altri.

Ma su questo futuro aspetto tutti gli altri (la maggioranza del personale scolastico) non sarà affatto d’accorso. Si tratterà come nel 2015 di un vero e proprio rifiuto di massa, con proteste e scioperi generali.

Sarebbe sbagliato – secondo gli stessi prof – essere sottoposti ad un vaglio meritocratico delle loro competenze; sarebbe umiliante, nonché divisivo per tutta la categoria, oltre che impossibile realizzarlo dal punto di vista tecnico. I sindacati, in tutto questo scenario, marcerebbero in prima fila nelle eventuali proteste/vertenze unitarie.

Staremo a vedere quali presupposti si realizzeranno all’orizzonte, soprattutto in considerazione del fatto che a nessun Governo interessa aumentare il livello di acredine e di scontro con i sindacati di categoria in un momento così difficile per la società civile del nostro Paese.