riscatto laurea
riscatto laurea

In questi giorni l’Inps ha aperto le porte ad una grandissima possibilità per tutti i lavoratori, il riscatto della laurea a costi zero per fini pensionistici. Questa opportunità avrebbe una grande rilevanza non sono nell’ambito della scuola, ma per tutti i dipendenti che hanno conseguito un titolo di laurea. Ma quali saranno i costi per lo Stato? Di seguito facciamo il punto sulla questione.

Cosa è il riscatto della laurea

Come specifica il sito dell’Inps, “il riscatto della laurea è un istituto che permette di valorizzare a fini pensionistici il periodo del proprio corso di studi”. L’interessato, che al momento dell’istanza può anche essere inoccupato, può riscattare gli anni universitari a condizione che abbia conseguito il titolo di studio relativo. Gli anni riscattabili sono esclusivamente quelli previsti dal corso di laurea, non quelli che risultano fuori corso.

Al momento, in base alla normativa vigente, il riscatto della laurea è interamente a carico del contribuente, che deve presentare istanza sul sito ufficiale dell’Inps.

L’Inps ipotizza il riscatto della laurea gratuito

A palesare questa importante possibilità è stato lo stesso presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, che durante l’audizione alla commissione Lavoro della Camera si è così espresso: “Il riscatto della laurea ha due caratteristiche positive, incentiva il giovane e contribuisce all’aumento delle skills in un Paese dove il tasso dei laureati è tra i più bassi dell’Ue. Oltre a pareggiare una sorta di discriminazione che potrebbe denunciare chi resta di più tra i banchi di scuola rispetto all’ingresso mercato nel mercato del lavoro“.

Come si evince, Tridico sottolinea la disparità che si verrebbe a creare e resterebbe tra i lavoratori: tra chi si è subito immesso nel mondo del lavoro e chi ha invece posticipato questo ingresso  dedicandosi alla propria formazione.

Occorre precisare che al momento si tratta solamente di un’ipotesi, che permetterebbe però a molti lavoratori di raggiungere prima il livello pensionabile.

Alti costi per lo Stato

Lo stesso presidente dell’Inps, tuttavia, sottolinea gli elevati costi per lo Stato che comporterebbe il riscatto della laurea a costi zero: “C’è però un costo molto importante, non inferiore a 4-5 miliardi di euro per ogni anno di coorte dei laureati”, ha infatti precisato. Le cifre si basano su uno studio che lo stesso Istituto dell’Inps ha condotto: somma molto alta che lo Stato dovrebbe caricarsi. Per questo si pensa che il Governo non potrà accettare la proposta, almeno non interamente.