Pensioni
Pensioni

Mentre prosegue il dibattito sulla riforma delle pensioni 2022, continuano ad emergere sempre nuove proposte in gioco. A tal proposito, ecco ‘Opzione tutti’: vediamo cos’è e come funziona.

Cos’è Opzione tutti

Negli scorsi giorni il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha avuto modo di illustrare il meccanismo di Quota 102, la nuova proposta di anticipo pensionistico inserita all’interno della prossima Legge di Bilancio.

Con l’occasione il Premier ha, inoltre, ribadito la necessità di trovare un’ulteriore formula di flessibilità in uscita per tutti, attraverso il sistema contributivo puro.

A tal proposito, secondo il governo la soluzione potrebbe essere ritrovata in una sorta di ‘Opzione tutti’. Una misura simile ad Opzione donna, ma estesa a tutti i lavoratori.

I sindacati però sembrano non apprezzare la proposta, in quanto preferirebbero garantire a tutti l’uscita dal mondo del lavoro a 62 anni di età o con 41 di contributi versati.

Tuttavia, bisogna ammettere che ‘Opzione tutti’ porterebbe con sé almeno 3 vantaggi:

  • concedere la libertà di scelta ai lavoratori che vogliono andare in pensione prima dei 67 anni;
  • pesare sui conti solo come anticipo di cassa e non come spesa viva;
  • ridurre le distanze tra vecchie e nuove generazioni.

La questione del sistema pensionistico misto

Per elaborare un meccanismo di flessibilità in uscita destinato a tutti i lavoratori, il Governo avrebbe quindi individuato in Opzione donna la strada giusta da seguire. Nonostante negli ultimi anni la combinazione fra requisiti e ricalcolo contributivo ha comportato un taglio del 33% sull’assegno pensionistico.

Ad ogni modo, Draghi ricorda la necessità di tornare progressivamente al sistema contributivo. Stando, infatti, ai dati raccolti dall’Inps nel 2022 l’85% dei pensionati sarà nel sistema misto con una quota retributiva sempre più piccola fino a che non si passerà poi al sistema contributivo puro.

Pertanto, da questo punto di vista, il sacrificio sembrerebbe essere piuttosto contenuto, in quanto con il passare del tempo le pensioni saranno calcolate interamente sulla base del sistema contributivo.