alunno in palestra
alunno in palestra

Tra le novità apportate dalla Legge di Bilancio relativamente al mondo della scuola, vi è anche l’insegnamento curriculare dell’educazione motoria alla primaria: grande risultato, traguardo storico, a detta della stessa Sottosegretaria allo sport Valentina Vezzali. In base alla bozza della legge, la misura dovrebbe partire dall’anno scolastico 2022/23 e coinvolgere tutte le classi quinte, per interessare man mano, di anno in anno, tutte le altri classi della primaria. Di seguito alcune previsioni sulla localizzazione dei posti disponibili.

Previsioni dei posti disponibili da destinare all’educazione motoria alla primaria

La legge di Bilancio 2022 approvata dal Consiglio dei Ministri nelle prossime ore arriverà in Parlamento: tra i vari cambiamenti apportati nella scuola, l’art. 103 introduce l’educazione motoria alla primaria. Tale insegnamento partirà dal prossimo anno scolastico 2022/23, coinvolgendo in un primo momento solo le quinte classi: dal 2023/24 sarà la volta delle quarte classi e poi man mano, si prevede che venga esteso anche alle restanti.

Il Ministero dell’istruzione è autorizzato a bandire un concorso per reclutare gli insegnanti necessari. In un precedente articolo si è comunicato il numero dei posti che si prevedono in base a calcoli effettuati sui dati registrati al SIDI: i posti previsti sarebbero in totale 2564 per l’anno scolastico 2022/23, 4717 unità per il 2023/24.

Possibile localizzazione dei posti previsti

Il portale ‘Tuttoscuola’ ha condotto uno studio per capire dove potrebbero essere localizzati i posti da destinare all’insegnamento dell’educazione motoria, pari a due ore settimanali. Tenendo conto degli alunni nelle terze e quarte classi e pluriclassi dell’anno scolastico in corso, infatti sarebbe possibile quantificare i posti per ogni regione. Dallo studio condotto emerge quanto segue: la maggior parte dei posti dovrebbe concentrarsi in Lombardia, con un totale di 768 unità; a seguire Campania (512 posti), Sicilia (444), Lazio (442), Veneto (396), Piemonte (335). Fanalino di coda sarebbero la Basilicata con 49 posti e il Molise, con 27 disponibilità.

Questi dati possono essere molto utili per i futuri insegnanti di educazione motoria, poiché permettono di avere già una visione d’insieme. Tuttavia è importante sottolineare che, per la loro ufficialità, occorre aspettare il bando pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.