Concorso
Concorso

Dopo una lunghissima attesa, finalmente tra meno di due settimane si darà inizio al concorso infanzia e primaria: dal 13 al 21 settembre, in tempo per le vacanze natalizie, i tantissimi candidati affronteranno l’unica prova scritta prevista. La maggior parte di questi è al momento supplente: cosa dice la normativa in merito alla partecipazione a concorsi pubblici? Gli aspiranti dovranno munirsi di Green pass rafforzato? Cerchiamo di fare chiarezza.

Permessi non retribuiti per i supplenti che partecipano al concorso infanzia e primaria

I tantissimi docenti in attesa del concorso per l’immissione in ruolo nella scuola dell’infanzia e primaria non devono aspettare più: dal 13 al 21 dicembre prenderà avvio la procedura concorsuale, bandita nel 2020, modificata e semplificata del Decreto Sostegni bis in un’unica prova scritta. Pochi purtroppo i posti messi a bando, a fronte dell’altissimo numero di domande di partecipazione pervenute.

Molti dei partecipanti al momento sono impegnati con un contratto a tempo determinato a scuola, con supplenze annuali e saltuarie: questi docenti precari dovranno chiedere un giorno di permesso per prendere parte alla prova. Cosa stabilisce la normativa?

Al personale docente, educativo ed ATA assunto a tempo determinato, ivi compreso quello di cui al precedente comma 5, sono concessi permessi non retribuiti, per la partecipazione a concorsi od esami, nel limite di otto giorni complessivi per anno scolastico, ivi compresi quelli eventualmente richiesti per il viaggio (CCNL 2006-2009- Art. 19, comma 7).”

I docenti interessati avranno quindi diritto a dei permessi relativi sia al giorno della prova sia ai giorni necessari per raggiungere la sede di esame: per tali permessi, tuttavia, non riceveranno alcuna retribuzione. Chi proviene dalle regioni meridionali e si sposterà al Nord dove i posti messi al bando sono maggiori, sarà quindi più penalizzato.

Occorrerà esibire il Super Green Pass?

Il 23 novembre scorso il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato il protocollo di sicurezza, riprendendo quello seguito per lo svolgimento del concorso Stem in estate. In questo documento ovviamente non parla di Green pass rinforzato, non essendo stato ancora introdotto a quella data.

In queste ore moltissimi si chiedono se i candidati dovranno o meno esibire la super certificazione verde: proprio questa è stata una delle domande poste dalla Cisl Scuola al Ministero durante il tavolo permanente del 30 novembre. Al momento quindi si attende un chiarimento a riguardo dal dicastero.