Supplenze docenti per l’anno scolastico 2021/22, anche quest’anno, purtroppo, a distanza di quasi tre mesi dall’inizio delle lezioni, molte scuole sono ancora alla ricerca di insegnanti a motivo di cattedre scoperte. Per esempio, in molte province del Nord Italia (e non solo), mancano insegnanti di sostegno ma anche nelle classi di concorso riguardanti le materie scientifiche.

In altra sede, stiamo aggiornando gli interpelli nazionali pubblicati da alcune scuole alla ricerca di docenti per la copertura di incarichi di supplenza. Quanti punti può valere una supplenza breve e secondo quali circostanze matura tale punteggio?

Supplenze brevi docenti, quale punteggio si può ottenere?

Riepiloghiamo, qui di seguito, i vari punteggi che il docente può ottenere a seconda della durata del proprio incarico di supplenza.

Si possono maturare due punti, qualora i giorni di supplenza siano compresi tra 16 e 45 giorni; i punti saranno 4, invece, se la durata dell’incarico è compreso tra i 46 e i 75 giorni. Il punteggio aumenterà a 6 in caso di tempistica compresa tra 76 e 105 giorni. Da 106 a 135 giorni, invece, il docente avrà diritto a otto punti mentre da 136 a 165 giorni di supplenza si potranno ottenere 10 punti. Infine, per supplenze superiori ai 166 giorni, il punteggio massimo conseguibile è pari a 12.

Punteggio massimo 12

Per ottenere il punteggio finale derivante dai giorni di supplenza, è sufficiente sommare tutti giorni effettuati nello stesso anno scolastico, anche non continuativi. Ne deriva che il massimo punteggio conseguibile per ciascun anno scolastico è di 12 punti. Vale la pena sottolineare che anche il servizio (questa volta ininterrotto) prestato dal 1° febbraio sino agli scrutini finali darà la possibilità di ottenere i dodici punti massimi.

Nel prossimo mese di gennaio 2022, dunque, si farà ancora ricorso alle GPS in alcune province e, ancor di più, con le MAD qualora le Graduatorie Provinciali per le Supplenze dovessero risultare esaurite.