specializzazione sostegno
specializzazione sostegno

Altro successo per tutti coloro che non riuscendo a conseguire la specializzazione sul sostegno in Italia hanno ottenuto il titolo in Spagna: una recente sentenza del Consiglio di Stato si pronuncia per la riammissione dei docenti interessati nella I fascia delle Graduatorie Provinciali per le Supplenze. Di seguito la vicenda e la relativa sentenza.

Sentenza favorevole per chi ha conseguito la specializzazione sul sostegno in Spagna

Pochi giorni fa abbiamo dato la notizia dell’accoglimento del ricorso da parte di un docente che aveva conseguito l’abilitazione all’insegnamento in Spagna: il Ministero dell’Istruzione non ne aveva riconosciuto valido il tirocinio “Practicum” svolto in Italia, ma il TAR del Lazio si è espresso positivamente.

Stavolta a formulare parere positivo è il Consiglio di Stato in merito al ricorso di un docente che ha conseguito la specializzazione sul sostegno in Spagna: il tribunale dispone l’inserimento negli elenchi aggiuntivi della I fascia delle GPS di un insegnante che ha presentato ricorso.

L’interessato, dopo aver ottenuto il titolo sul sostegno in Spagna, ne aveva richiesto regolarmente il riconoscimento da parte del Ministero dell’Istruzione: aveva presentato entro i tempi stabiliti anche l’istanza di inclusione negli elenchi aggiuntivi di I fascia delle GPS relativamente all’Ambito Territoriale di Potenza: quest’ultimo aveva però disposto l’esclusione del docente dalle suddette graduatorie.

L’interessato, assistito dallo studio legale Naso & Partners, ha allora presentato ricorso al Tar Basilicata e in un secondo momento un appello cautelare al Consiglio di Stato: da quest’ultimo è arrivato parere favorevole.  

Motivazione dell’accoglimento dell’appello cautelare

Il Consiglio di Stato, accogliendo l’appello cautelare ricorrente, con l’ordinanza del 3 dicembre 2021 ha formulato la seguente motivazione: “Sembra di dubbia legittimità – in relazione al combinato disposto degli artt. 7 co. 4, lett. e) dell’O.M. n. 60/2020, 1, 2 e 7 del D.M. n.51/2021 nonché 3 e 4 del D.M. n. 242/2021 – la decisione dell’Amministrazione di escludere dagli elenchi aggiuntivi alle GPS i docenti che non soltanto hanno conseguito all’estero il titolo di abilitazione e/o specializzazione entro il termine del 31 luglio 2021, ma che entro la medesima data hanno pure presentato l’istanza di riconoscimento presso il competente organo ministeriale”.

Con tale giudizio, il Consiglio di Stato ha ordinato l’inserimento immediato del docente negli elenchi aggiuntivi di I fascia: gli avvocati Naso e Lancia ritengono che tale provvedimento rivesta una grande importanza per tutti coloro che conseguono il titolo di specializzazione in Spagna e vogliono immettersi nelle GPS.