Supplenze ATA
Supplenze ATA

Il personale Ata della scuola dimenticato in Legge di Bilancio. Pochissime le misure a favore di assistenti amministrativi, tecnici, ausiliari, Dsga, guardarobieri e collaboratori scolastici. Sembra che il loro lavoro non sia  considerato poi così importante. Anche lo stanziamento dei fondi per il rinnovo dei contratti dei supplenti ATA Covid, è stato messo in secondo piano rispetto a quello dei docenti. Secondo Anief non è accettabile.

Personale ATA e Legge di Bilancio, Anief: vanno valorizzati

Il Personale ATA è indispensabile per ottenere “elevati obiettivi nell’ambito della didattica e della sicurezza sul lavoro” scolastico. Per questo motivo, Anief ha presentato 11 emendamenti alla manovra di bilancio, da valutare con urgenza (entro oggi 27 dicembre). Tra questi, si chiede lo “stanziamento per la valorizzazione del personale tecnico e amministrativo delle scuole statali in analogia a quanto previsto per le università”.

La platea interessata è di circa 250mila dipendenti, e si chiede una dotazione di mille euro per Ata.

Emendamento

L’emendamento sopra citato riguarda il “Finanziamento fondo per valorizzazione professionalità ATA” e consiste in:

Al comma 327, si aggiunge il comma 327-bis: “327-bis.

A decorrere dall’anno 2022 sono stanziati nel fondo di miglioramento d’offerta formativa delle istituzioni scolastiche 250 milioni di euro finalizzati alla valorizzazione, nella contrattazione collettiva nazionale, del personale tecnico-amministrativo delle scuole statali in ragione delle specifiche attività svolte nonché al raggiungimento, da parte delle scuole, di più elevati obiettivi nell’ambito della didattica e della sicurezza sul lavoro”.

Motivazione: è ragionevole prevedere uno stanziamento per la valorizzazione del personale tecnico e amministrativo delle scuole statali in analogia a quanto previsto per le università v. comma 297 lettera b) del presente provvedimento. La dotazione sarebbe di mille euro per ata.