Nota-Ministero-Istruzione-N.-50607-del-27-dicembre-150x150-1
Nota-Ministero-Istruzione-N.-50607-del-27-dicembre-150x150-1

PNSD (Piano Nazionale Scuola Digitale), il Ministero dell’Istruzione ha provveduto a pubblicare la Nota N. 50607 del 27 dicembre avente come oggetto: ‘Piano nazionale per la scuola digitale (PNSD). Articolo 32 del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 maggio 2021, n. 69 per il completamento del programma di sostegno alla fruizione delle attività di didattica digitale integrata nelle regioni del Mezzogiorno. Decreto del Ministro dell’istruzione, di concerto con il Ministro per il sud e la coesione territoriale e il Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, 30 settembre 2021, n. 290. Missione 4, Componente 1, Investimento 3.2., del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), relativa a “Scuola 4.0: scuole innovative, cablaggio, nuovi ambienti di apprendimento e laboratori”. Nota di autorizzazione per l’attuazione del progetto’.

PNSD, Nota Ministero Istruzione N. 50607 del 27 dicembre 2021 

Nella Nota in questione si fa riferimento ‘al completamento del programma di sostegno alla fruizione delle attività di didattica digitale integrata nelle regioni del Mezzogiorno, di cui all’articolo 32 del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 maggio 2021, n. 69’.

Il Ministero dell’Istruzione ‘comunica che, a seguito dell’assegnazione delle risorse di cui al decreto del Ministro dell’istruzione, di concerto con il Ministro per il sud e la coesione territoriale e il Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, 30 settembre 2021, n. 290, e della successiva generazione del CUP, le istituzioni scolastiche in indirizzo risultano beneficiarie del finanziamento a valere sulle risorse del Piano nazionale per la scuola digitale (PNSD), rientranti fra i progetti in essere di cui alla Missione 4, Componente 1, Investimento 3.2., del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), relativa a “Scuola 4.0: scuole innovative, cablaggio, nuovi ambienti di apprendimento e laboratori”. 

Le istituzioni scolastiche in indirizzo sono, pertanto, autorizzate a procedere con la realizzazione della misura, in coerenza con quanto previsto dalle norme citate e della presente nota. 

Modalità e tempi di attuazione

I progetti autorizzati dovranno essere realizzati e rendicontati sull’applicativo “PNSD – Gestione Azioni” – Area “Le tue azioni” – Azione “DDI – Regioni Mezzogiorno” con tempestività e comunque entro il 30 novembre 2022. La data ultima per l’impegno delle risorse tramite assunzione di obbligazioni giuridicamente perfezionate è fissata al 30 giugno 2022, data entro la quale l’istituzione scolastica deve provvedere a inserire nella piattaforma “PNSD – Gestione Azioni”, sezione “Procedure amministrative” la documentazione relativa all’obbligazione giuridica di cui sopra (contratto, ordine di acquisto, etc.) relativa alla voce di costo “Spese per acquisto di beni e attrezzature”.

L’inserimento di tale documentazione costituisce a tutti gli effetti avvio del progetto. L’importo complessivo del progetto ammesso al finanziamento è pari alla quota assegnata a ciascuna istituzione scolastica di cui all’allegato 1 al citato decreto del Ministro dell’istruzione n. 290/2021. La misura dovrà essere attuata dall’istituzione scolastica nel rispetto delle disposizioni impartite, documentando le attività di realizzazione nelle specifiche aree presenti all’interno della piattaforma “PNSD – Gestione Azioni”. La scuola dovrà, altresì, rendersi disponibile ai controlli e alle valutazioni previsti. Le tipologie di spese ammissibili sono le seguenti: 

  • a) spese per acquisto di beni e attrezzature per la realizzazione di ambienti di apprendimento per la didattica digitale integrata (rientrano, in tale tipologia, i costi relativi all’acquisto di dispositivi digitali individuali, quali computer e tablet, utilizzabili sia in classe che a distanza, e di dispositivi per la fruizione della didattica digitale integrata in aula quali schermi interattivi touch screen di almeno 65” e relativi accessori, webcam e document camera, cuffie e/o auricolari dotati di microfono, carrelli di ricarica dei dispositivi, eventuali accessori di protezione dei dispositivi); 
  • b) spese per acquisto di beni e attrezzature per la connettività individuale degli studenti e per la connettività delle aule (dispositivi per la connettività mobile, quali router/internet keys con relative schede dati per la connettività ed eventuali apparati necessari per il potenziamento della connettività negli ambienti di apprendimento); 
  • c) spese per l’acquisto di piattaforme e software per la didattica digitale integrata. 

Qualora l’acquisto di beni e attrezzature per la connettività individuale e di piattaforme e software per la didattica digitale integrata prevedano il pagamento di un canone di utilizzo e fruizione, lo stesso dovrà essere sostenuto e fatturato, in ogni caso, entro la scadenza della rendicontazione. Non sono ammissibili i costi relativi al pagamento di canoni relativi alla connettività di istituto. I beni e le attrezzature relativi ai dispositivi digitali individuali, comprese le attrezzature per la connettività individuale, possono essere concessi in comodato d’uso alle studentesse e agli studenti meno abbienti, anche nel rispetto dei criteri di accessibilità per le persone con disabilità. La data di ammissibilità delle spese decorre dalla data del decreto ministeriale di assegnazione del finanziamento, ovvero dal 30 settembre 2021. La data non può in ogni caso essere antecedente alla data di generazione e acquisizione del CUP.

Si ricorda che, ai sensi dell’articolo 55, comma 1, lettera b), punto 2) del decreto-legge 31 maggio 2021, n. 77, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2021, n. 108, recante «Governance del Piano nazionale di ripresa e resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure», i dirigenti scolastici, con riferimento all’attuazione degli interventi ricompresi nel complessivo PNRR, procedono agli affidamenti nel rispetto delle soglie di cui al decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 settembre 2020, n. 120, anche in deroga a quanto previsto dall’articolo 45, comma 2, lettera a), del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 28 agosto 2018, n. 129, in relazione all’acquisizione della deliberazione del Consiglio di istituto per affidamenti di lavori, servizi e forniture di importo superiore a 10.000,00 euro.

Qui sotto potrete consultare il testo integrale della Nota ministeriale dove, tra l’altro, vengono messe in evidenza le modalità di erogazione del finanziamento e la rendicontazione delle spese.

NOTA