Supplenze a scuola
Supplenze a scuola

Continua a regnare l’incertezza per i supplenti Covid, docenti e ATA, e quelli che hanno sostituito (o dovranno sostituire) il personale che non ha aderito all’obbligo vaccinale: cosa accadrà a gennaio 2022? In entrambi i casi, si attendono delucidazioni da parte del Ministero. Ma il rientro a scuola con le nuove misure si avvicina, e ci si chiede quando si potrà sapere qualcosa in più.

Personale Covid docenti e ATA: quali contratti saranno prorogati?

In base al testo della Legge di Bilancio, è prevista la copertura per 18mila contratti Covid di docenti e meno di 8000 per gli ATA. Come si farà a scegliere chi avrà il diritto al rinnovo, è un mistero. Mentre alcun contratti sono già scaduti, si attendono nuove indicazioni da parte del Ministero sulle modalità di proroga e scadenza dei contratti.

AGGIORNAMENTO

Supplenti del personale non vaccinato

Anche i supplenti del personale non vaccinato, docenti e ATA, viaggiano nell’incertezza. La norma che prevede la loro assunzione in sostituzione di chi non ha aderito all’obbligo vaccinale, non indica la scadenza del contratto.

Al momento, i contratti dei supplenti si risolvono di diritto nel momento in cui i soggetti sostituiti si vaccinano. Si spera che nella conversione del DL 172/2021 venga definito un termine certo a questo tipo di supplenza, che dia un minimo di stabilità a chi decide di accettarla.

Sicuramente queste situazioni incerte non favoriscono il benessere psicologico ed emotivo di chi le subisce.