assegno-unico-universale
assegno-unico-universale

L’INPS ha fornito istruzioni e chiarimenti su come presentare domanda per l’Assegno Unico per i figli 2022. Pochi giorni fa, il presidente Tridico ha anche indicato quali sono le date di pagamento dell’assegno. Fra le principali caratteristiche dell’assegno unico, c’è quella della modalità di erogazione. Questo, a differenza dell’ANF, può anche essere ripartito fra i genitori. Vediamo le modalità di pagamento che è possibile indicare.

Assegno Unico 2022: tre modalità di pagamento

La possibilità di ricevere il pagamento dell’Assegno Unico in tre modalità diverse, di certo è un vantaggio per i genitori separati. Infatti, al momento in cui uno dei genitori presenta la domanda, può scegliere tra le seguenti opzioni:

  1. “In accordo con l’altro genitore chiedo che l’intero importo dell’assegno mi sia corrisposto in qualità di richiedente”.
  2. Chiedo che l’importo dell’assegno sia corrisposto in misura ripartita al 50% tra i due genitori e dichiaro di essere stato autorizzato dall’altro genitore ad indicare la modalità di pagamento della sua quota.
  3.  “Chiedo che l’importo dell’assegno sia corrisposto in misura ripartita al 50% tra i due genitori e in mancanza di accordo indicherò solo le modalità di pagamento per la mia quota di assegno.

Come scegliere l’opzione giusta

La scelta di una opzione, piuttosto che un’altra, dipende dalla situazione familiare e dagli accordi fra i due genitori. Tutte le opzioni sono valide sia per genitori conviventi, che separati. Naturalmente, per genitori sposati e conviventi, la prima opzione va bene.

In caso di affido esclusivo del minore ad uno solo dei due genitori, generalmente si opta perché l’assegno vada al 100% al genitore affidatario. In caso di affido congiunto, si preferisce la ripartizione in misura del 50% ad ognuno.

Se il genitore richiedente dovesse fare una scelta errata, in qualsiasi momento può essere modificata (anche dal secondo genitore) accedendo alla domanda con le proprie credenziali. La possibilità data ad entrambi di apportare la modifica, serve a ricordare che a decidere sono tutti e due i genitori, e non uno solo.

VEDI ANCHE: Come presentare domanda per l’AU e gli importi