Laurea
Laurea

Pensioni, riscatto della laurea ordinario e agevolato: quanto costano veramente? Al di là dei requisiti e di come presentare la domanda, vediamo quali sono tutte le principali differenze tra l’uno e l’altro e quando conviene richiederlo. Ecco tutto quello che c’è da sapere a questo proposito.

Riscatto della laurea ordinario e agevolato

Come precedentemente anticipato, il riscatto della laurea in generale è lo strumento che permette di trasformare gli anni di università in anni di contributi validi ai fini del calcolo della pensione.

A tal proposito esistono, di fatto, due tipi di ‘riscatto’: ordinario ed agevolato. In ogni caso, però, per riscattare la laurea è necessario aver conseguito il titolo di studio. Non possono, invece, essere riscattati gli anni fuori corso o quelli già coperti da contribuzione obbligatoria.

Ma quanto costa, nel concreto, riscattare gli anni di studio?

Tutto dipende dalle norme che disciplinano la liquidazione della pensione con il sistema retributivo o con quello contributivo, tenendo conto della collocazione temporale dei periodi di riscatto.

Quanto costa?

Al di là dei requisiti e delle modalità per presentare la richiesta, il contributo da pagare per il riscatto della laurea cambia a seconda che ci si muova nell’ambito del sistema contributivo o di quello retributivo.

Inoltre, bisogna anche considerare le principali differenze tra il riscatto ordinario ed il riscatto agevolato. Nel primo caso, si può arrivare anche a pagare somme superiori ai 100 mila euro. Nel secondo, invece, ci si aggira intorno ai 5.200 euro all’anno. Per un totale che oscilla tra i 20 e i 25 mila euro complessivi.

Il riscatto agevolato, in particolare, si basa sul calcolo contributivo e di fatto l’incremento sulla pensione è minimo. Circa 20 euro lordi al mese per ogni anno di università. Tuttavia, è utile procedere al riscatto se si vogliono aumentare i periodi che servono a raggiungere i requisiti per la pensione.

Si ricorda, infine, che il riscatto agevolato è valido anche per i lavoratori che si sono laureati prima del 1996, ma che hanno optato per il sistema contributivo.

In ogni caso, sul sito dell’Inps nella sezione relativa al riscatto della laurea, è possibile fare una simulazione per conoscere in anticipo i costi che si andrebbero a sostenere se si scegliesse questa opzione.