Pensionata
Pensionata

Pensioni 2022, dopo la riconferma di Opzione donna all’interno della nuova Legge di Bilancio, via libera alle domande: ecco la guida completa all’accesso. Istruzioni, regole, scadenze, importi e requisiti per lasciare il mondo del lavoro con la misura di anticipo pensionistico riservata alle lavoratrici. Ecco tutto quello che c’è da sapere a riguardo.

Opzione donna 2022: guida all’accesso

Come precedentemente anticipato, anche quest’anno Opzione donna è stata di fatto riconfermata. Pertanto, ancora per tutto il 2022, le lavoratrici potranno accedere alla pensione in anticipo con 35 anni di contributi versati e 58 anni di età (59 le autonome).

Per il momento si tratta ancora di una misura temporanea, tuttavia la speranza è che possa diventare presto una soluzione definitiva.

Ad ogni modo, ad oggi, resta necessario maturare i requisiti sopra riportati entro e non oltre il 31 dicembre 2022. Successivamente, una volta riconosciuto il diritto, la pensione decorre a partire da 12 mesi dal perfezionamento dei requisiti stessi (dopo 18 mesi per le autonome).

Si ricorda inoltre che per quanto riguarda l’importo, chi decide di lasciare il lavoro con Opzione donna accetta automaticamente anche il calcolo della pensione basato sul sistema contributivo puro. Pertanto, in questo caso, ci si potrebbe vedere decurtare l’assegno addirittura del 25%.

Come fare domanda

Per le lavoratrici che nel 2022 intendono andare in pensione con Opzione donna è possibile presentare regolare domanda attraverso il servizio online Inps. Stando infatti a quanto comunicato dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, il meccanismo di richiesta è stato ufficialmente aggiornato.

Di conseguenza, per procedere con la domanda, bisognerà accedere innanzitutto sul sito dell’Inps con le proprie credenziali (Spid, Cie o Cns). Dopodiché, occorrerà selezionare la voce ‘Domanda Prestazione Pensionistica Online’ e poi ‘Nuova Prestazione Pensionistica’. Da qui si potrà cliccare su ‘Anticipata/Vecchiaia’ ed infine su ‘Pensione di anzianità/anticipata’ e ‘Opzione Contributivo’.

In alternativa, si può anche inoltrare la richiesta attraverso il proprio patronato di riferimento oppure chiamando il contact center al numero 803 164 da rete fissa o al numero 06 164 164 da rete mobile.