Rinnovo contrattuale scuola
Rinnovo Contratto Scuola

Dopo lunghe settimane di stand by, a breve riprenderanno i lavori per il rinnovo del contratto scuola scaduto il 31 dicembre 2018: il 1° febbraio, infatti, avrà luogo una informativa al Ministero dell’Istruzione sull’Atto di indirizzo. Sarà un momento molto delicato, poiché costituirà un passaggio propedeutico all’avvio delle trattative che porteranno al rinnovo del CCNL per il personale della scuola. Di seguito facciamo il punto sulla questione, riassumendone gli aspetti principali.

Quali possibili aumenti stipendiali con il rinnovo del contratto scuola?

Uno dei temi più bollenti del momento è quello legato al rinnovo del contratto scuola che coinvolge più di un milione di dipendenti del Ministero dell’Istruzione: a breve riprenderanno i lavori per rinnovare il contratto collettivo nazionale 2019-2021. Il prossimo 1° febbraio, infatti, Viale Trastevere ha convocato i sindacati rappresentativi per l’informativa relativa all’Atto di indirizzo, operazione preliminare alla trattativa.

Molti i temi caldi della questione, di cui certamente uno dei più bollenti resta sempre l’aumento dello stipendio del personale scolastico: docenti e ATA chiedono cifre concrete, non briciole e i sindacati mostrano il proprio appoggio nel difendere i diritti dei lavoratori della scuola, richiedendo un aumento anche di 300 euro, somma tuttavia molto improbabile da raggiungere.

Il budget di partenza è pari a 3,7 miliardi, compresi i 400 milioni che la Legge di Bilancio 2022 ha aggiunto. In base ai calcoli del governo, tale cifra potrebbe portare ad un aumento del 4,07% che si concretizzerebbe in 107 euro medi mensili in più negli stipendi del personale scolastico. Tuttavia, non si tratterebbe di una somma definitiva, poiché secondo i sindacati occorre sottrarre 575 milioni per il pagamento dell’indennità di vacanza contrattuale, l’elemento perequativo e i trattamenti accessori di militari, polizia e vigili del fuoco. A conti fatti, quindi il rinnovo del contratto potrebbe portare ad un aumento stipendiale di circa 87 euro medi mensili.

Commento della Cisl Scuola

In un comunicato Maddalena Gissi, segretaria nazionale della Cisl Scuola, esprime la necessità di velocizzare i lavori in merito al rinnovo del contratto scuola. In riferimento agli aumenti stipendiali afferma: “È chiaro che le risorse a disposizione non sono sufficienti a raggiungere pienamente l’obiettivo di una perequazione fra il trattamento economico del personale scolastico e quello mediamente riconosciuto, per tutti i profili, in altri settori della Pubblica Amministrazione. Ma ci sono squilibri retributivi che vanno recuperati, perché assolutamente inaccettabili, dunque occorre esplorare altri possibili percorsi attraverso i quali implementare l’attuale dotazione di risorse”.