GPS supplenze
GPS supplenze

Aggiornamento delle Graduatorie Provinciali per le Supplenze nel 2022? È sicuramente uno dei temi più caldi in ambito scolastico, visto che migliaia di docenti attendono di sapere se la riapertura delle Graduatorie Provinciali avverrà o meno nella prossima primavera. Il tentativo fallito con il decreto Milleproroghe ha messo ulteriormente in agitazione l’ambiente.

Aggiornamento Graduatorie per le Supplenze, cosa aspettarsi? Il punto della situazione al 25 febbraio

In merito alla questione dell’aggiornamento delle GPS nel 2022, le forze politiche sembrano andare tutte in un’unica direzione, come pure i sindacati: no al rinvio, è necessario ed urgente consentire i nuovi inserimenti e gli aggiornamenti dei punteggi. Il Movimento 5 Stelle e la Lega hanno annunciato, nelle scorse ore, la presentazione di emendamenti al decreto Sostegni ter e tutto lascerebbe presagire una risoluzione positiva del problema.

Secondo quanto riporta ‘Orizzonte Scuola’, potrebbe esserci ancora tempo sia per l’approvazione del nuovo regolamento per le supplenze che per la riapertura delle Graduatorie per il prossimo triennio. Anche qualora fossero prorogate le disposizioni indicate dall’Ordinanza Ministeriale N. 60/2020, per i nuovi inserimenti nelle GPS, però, potrebbero essere necessari i 24 crediti formativi universitari, secondo quanto disposto dal DM N. 616/2017. Si tratta, in ogni caso, di indiscrezioni che dovranno essere confermate o meno in sede di ufficializzazione della riapertura delle Graduatorie Provinciali.

Il Ministero dell’Istruzione avrebbe, comunque, intenzione di eliminare la seconda fascia delle GPS infanzia e primaria, oltre a voler confermare la procedura telematica per il conferimento delle supplenze al 31 agosto e al 30 giugno da GAE e GPS. Indubbiamente, una delle novità più importanti è proprio quella legata alla procedura informatizzata per il conferimento delle supplenze, così come avvenuto lo scorso anno.

Pertanto, oltre alla domanda di aggiornamento o di inserimento nelle GPS, l’aspirante supplente dovrebbe presentare domanda per partecipare alla procedura informatizzata che assegnerà i diversi incarichi: in buona sostanza, chi non presenterà tale domanda per le supplenze, potrà solamente sperare in un incarico dalle graduatorie di istituto.

Il nuovo regolamento sulle supplenze, inoltre, potrebbe introdurre nuove misure per quanto riguarda le rinunce alle supplenze e gli abbandoni del servizio. Nella scuola superiore di primo e secondo grado, potrebbe essere ripristinata la possibilità per il docente supplente di partecipare all’assegnazione degli spezzoni pari o inferiori alle sei ore nella scuola in cui è già in servizio.

In ogni caso, si dovrà attendere i prossimi giorni per avere le idee più chiare in merito alla riapertura delle GPS e alla procedura di attribuzione delle supplenze.