GPS supplenze
GPS supplenze

Aggiornamento GPS nel 2022, via libera alla riapertura delle Graduatorie Provinciali con l’arrivo del nuovo Regolamento per le supplenze. Il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione, infatti, ha espresso parere positivo (tuttavia, ricordiamo che si tratta di un parere non vincolante) allo schema di decreto del Ministero dell’Istruzione riguardante il Regolamento per la costituzione delle nuove graduatorie. Trattandosi di una bozza, il nuovo Regolamento, naturalmente, potrà essere ancora soggetto a possibili modifiche.

Aggiornamento GPS nel 2022, nuovo Regolamento per le supplenze: le novità (Bozza)

Il Regolamento disciplina la costituzione delle graduatorie provinciali per le supplenze e delle graduatorie di istituto su posto comune e di sostegno di cui all’articolo 4, commi 6-bis e 6-ter, della legge 3 maggio 1999, n. 124, nonché l’attribuzione degli incarichi a tempo determinato del personale docente nelle istituzioni scolastiche statali su posto comune e di sostegno e del personale educativo, fermo restando quanto previsto all’articolo 4, commi 6 e 8, della legge 3 maggio 1999, n. 124. 

Con decreto del Ministro dell’istruzione sono indicate le modalità di predisposizione delle graduatorie provinciali per le supplenze. Con il medesimo decreto sono adottate le tabelle di valutazione dei titoli di accesso alle graduatorie di cui al comma 1, nonché degli ulteriori titoli valutabili. Le graduatorie di cui al comma 1 hanno una durata triennale. 

In occasione del rinnovo delle graduatorie agli aspiranti già inclusi nelle graduatorie provinciali costituite per l’antecedente periodo di vigenza purché presentino domanda di conferma per la medesima tipologia di posto e/o classe di concorso per la stessa o diversa provincia, è assegnato il punteggio con cui figurano nelle relative graduatorie di fascia sulla base dei titoli presentati in occasione della costituzione delle graduatorie del precedente periodo e delle rettifiche intervenute a seguito delle verifiche effettuate dalle istituzioni scolastiche competenti, salvo diversa previsione del decreto di cui al comma 2.

Graduatorie Provinciali per le Supplenze

Nell’articolo 3 della bozza del nuovo Regolamento per le supplenze si legge quanto segue: ‘In ciascuna provincia sono costituite GPS finalizzate, in subordine allo scorrimento delle GAE, all’attribuzione delle supplenze. Le GPS sono costituite dagli aspiranti che, avendone titolo, presentano la relativa istanza, per una sola provincia, esclusivamente attraverso le apposite procedure informatizzate, conformemente alle disposizioni di cui al presente regolamento e secondo modalità e termini stabiliti con il decreto. 

Ai fini della costituzione delle GPS di prima e seconda fascia, i punteggi, le posizioni e le eventuali precedenze sono determinati, esclusivamente, sulla base delle dichiarazioni rese dagli aspiranti attraverso le procedure informatizzate. 

I titoli dichiarati dall’aspirante all’inserimento nelle GPS sono valutati se posseduti e conseguiti entro la data di scadenza del termine stabilito per la presentazione della domanda. I soggetti inseriti a pieno titolo nelle GAE possono presentare domanda di inserimento sia nella prima fascia delle graduatorie di istituto sia nelle GPS di prima e seconda fascia – e correlate graduatorie di istituto – in una sola provincia, anche se diversa dalla provincia di inserimento in GAE, con esclusione delle graduatorie per le quali sono inserite nelle GAE. Tale esclusione non si applica a coloro che sono inseriti con riserva nelle GAE in applicazione di un provvedimento giurisdizionale. Le GPS relative ai posti comuni per la scuola dell’infanzia e primaria sono costituite in un’unica fascia, cui accedono i soggetti in possesso dello specifico titolo di studio abilitante. 

Le GPS relative ai posti comuni per la scuola secondaria di primo e secondo grado, distinte per classi di concorso, sono suddivise in fasce così determinate: 

  • a) la prima fascia è costituita dai soggetti in possesso dello specifico titolo di abilitazione; 
  • b) la seconda fascia è costituita dai soggetti in possesso dei titoli di studio e dei requisiti di accesso previsti dalla normativa vigente. 

Le GPS relative ai posti di sostegno, distinte per i relativi gradi di istruzione della scuola dell’infanzia, primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado, sono suddivise in fasce così determinate: 

• la prima fascia è costituita dai soggetti in possesso dello specifico titolo di specializzazione sul sostegno nel relativo grado; 

• la seconda fascia è costituita dai soggetti, privi del relativo titolo di specializzazione, che entro l’anno scolastico precedente a quello di presentazione dell’istanza per l’inclusione nelle GPS abbiano maturato tre annualità di insegnamento su posto di sostegno nel relativo grado e che siano in possesso: 

  • per la scuola dell’infanzia e primaria, del relativo titolo di studio abilitante; 
  • per la scuola secondaria di primo e secondo grado, dell’abilitazione o del titolo di accesso alle GPS di seconda fascia del relativo grado.

Le GPS relative ai posti di personale educativo nelle istituzioni educative sono suddivise in fasce così determinate: 

• la prima fascia è costituita dai soggetti in possesso dello specifico titolo di abilitazione; 

• la seconda fascia è costituita dai soggetti in possesso dei titoli di studio e dei requisiti stabiliti dal decreto. 

Ai fini del conferimento delle supplenze presso i percorsi a differenziazione didattica Montessori, Agazzi e Pizzigoni gli aspiranti dichiarano gli specifici titoli posseduti. Restano ferme le disposizioni specifiche relative all’attribuzione dei contratti a tempo determinato del personale docente eventualmente previste dai decreti di autorizzazione delle sperimentazioni ai sensi dell’art. 11, comma 1 del decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n. 275.

Qui sotto riportiamo la bozza del nuovo Regolamento per le supplenze, ricordando che le disposizioni in esso contenute possono essere soggette a modifiche prima della pubblicazione finale del decreto del Ministero dell’Istruzione.

BOZZA REGOLAMENTO