Azzolina
Azzolina

“Le fonti si citano sempre” queste le dichiarazioni dell’ex ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina all’inviato de ‘Le Iene’, Filippo Roma, che le aveva chiesto se è lecito copiare senza citare le fonti. Azzolina, quindi, si è mostrata assolutamente contraria a qualsiasi tipo di plagio. Eppure, il professor Massimo Arcangeli, docente ordinario di Linguistica a Cagliari, ha i suoi dubbi al riguardo.

Azzolina respinge le accuse

Sulle pagine di ‘Repubblica’, Massimo Arcangeli ha insistito sul fatto che Lucia Azzolina avrebbe copiato le sue tesi universitarie utilizzando alcuni manuali, senza però citare la fonte. È dovere di cronaca precisare che al momento non ci sono prove effettive sul presunto plagio e che quindi tale articolo si limita a riportare le accuse di Arcangeli e, come è giusto che sia, la dichiarazioni di Lucia Azzolina in sua difesa. Del resto, già all’epoca dell’articolo del professore, l’allora ministra dell’Istruzione aveva respinto il tutto in maniera decisiva: “Chi ha voluto tirar fuori questa storia ha preso un granchio colossale”.

Il punto di Massimo Arcangeli

Il professor Massimo Arcangeli ha tuttavia confermato ai microfoni de ‘Le Iene’ le sue affermazioni: “Lucia Azzolina ha copiato una quarantina di brani in tre diversi lavori di tesi: una tesi triennale, una tesi magistrale e una tesi per l’insegnamento alla scuola secondaria”. Il docente di Linguistica ha rincarato la dose: “Trentasette passi, copiati di sana pianta e mai citati”. Prendendo ad esempio la tesi di specializzazione per accedere all’insegnamento, Azzolina avrebbe copiato, a detta di Arcangeli: “Almeno 17% dell’intero lavoro”. Ma quale opera sarebbe stata copiata in tal caso? A rispondere è sempre Massimo Arcangeli: “Un testo molto importante di un’associazione di psichiatri americani, il DSM, da cui la ministra Azzolina avrebbe preso almeno 7 brani”.

L’ex ministra querela il docente

Filippo Roma ha quindi raggiunto Lucia Azzolina dandole l’occasione di replicare. L’ex ministra ha dichiarato riguardo alle accuse di Massimo Arcangeli: “Non corrisponde al vero quello che dice. Ho spiegato le definizioni di ritardo che sono riconosciute a livello internazionale”. Azzolina ha precisato di aver denunciato il docente universitario, affermando. La pentastellata si augura che “con la querela che ho fatto si vada a fondo”.