concorso ordinario
concorso ordinario

Mancano ormai pochi giorni all’avvio del concorso ordinario per la scuola secondaria di I e II grado: bandito con il DD n. 449 del 21 aprile 2020 e modificato dal Decreto n. 23 del 5 gennaio 2022, i candidati potranno finalmente svolgere la prova scritta dal 14 marzo al 13 aprile 2022. In questi giorni, però, in molti segnalano dei problemi relativi alla ricevuta del pagamento effettuato: di seguito utili alcuni chiarimenti in merito.

Dal 14 marzo scatta il concorso ordinario per la scuola secondaria

Dopo una lunga attesa di due anni, i docenti che aspirano al ruolo nella scuola secondaria di I e II grado potranno partecipare al prossimo concorso ordinario: dal 14 marzo al 13 aprile, secondo il calendario pubblicato dagli USR interessati, si svolgerà, infatti, la prova scritta. Ricordiamo che possono concorrere i docenti che, avendo i requisiti richiesti, hanno presentato domanda di partecipazione entro il 31 luglio 2020.

Come si evince dai tanti gruppi facebook appositamente creati, molti candidati segnalano vari problemi che stanno avendo, soprattutto in merito alla ricevuta del pagamento effettuato.

Chiarimenti sulla ricevuta del pagamento

Tra i documenti che gli aspiranti devono portare con sé ed esibire il giorno dell’esame, vi è anche la ricevuta di versamento del contributo di segreteria: i candidati hanno potuto effettuare il bonifico solamente attraverso il sistema “Pago in rete”. Se non si dovesse trovare la ricevuta, basta accedere all’area personale per recuperarla. Qualche docente, pur avendo la ricevuta, ha riscontrato degli errori, tra cui i più diffusi sono i seguenti:

  • Questa dicitura “__” alla voce causale in luogo della classe di concorso
  • La mancata indicazione della regione e della classe di concorso nella ricevuta di pagamento
  • La causale “Concorso ordinario personale docente scuola dell’INFANZIA e PRIMARIA, di cui al D.D. 498 del 21 aprile 2020 (PARTECIPAZIONE AD UNA PROCEDURA CONCORSUALE)”.

In merito alcuni USR interessati, stanno pubblicando degli avvisi per dare chiarimenti in riferimento alle problematiche riscontrate. Ad esempio, l’Ufficio Scolastico regionale della Puglia ha pubblicato quanto segue: “Per quanto concerne problematiche inerenti al versamento del contributo di segreteria, come previsto dall’articolo 4 comma 5, del decreto dipartimentale n. 499 del 21 aprile 2020 e ss. mm.ii, si rammenta che la causale del bonifico deve contenere l’indicazione di taluni dati, tra i quali la regione e la classe di concorso per la quale si partecipa.

Laddove, per mero errore materiale, i suddetti dati non risultassero dalla ricevuta di pagamento, i candidati, all’atto della prova scritta, dovranno rendere una dichiarazione, ai sensi delle disposizioni di cui al DPR 28/12/2000, n. 445 e ss.mm.ii., impegnandosi a regolarizzare la propria posizione nei giorni immediatamente successivi alla prova scritta e a darne notizia all’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia, come indicato, nel merito, nell’Avviso pubblicato sul sito dell’USR per la Puglia, prot. AOODRPU n. 6080 del 25 febbraio 2022”.

In merito a questi problemi, anche da parte del Ministero potrebbero arrivare eventuali indicazioni che possono fornire chiarimenti ai docenti interessati.