Ella Bucalo
Ella Bucalo

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato inviatoci dall’Ufficio Stampa di Fratelli d’Italia (Camera dei Deputati).

FdI: ‘Il governo ignora la legge e costringe al ricorso alle vie legali’

“Oltre 200mila gli insegnanti che quest’anno faranno domanda per trasferirsi nella provincia di residenza, e molti tra loro devono ricorrere alle battaglie legali per ottenere il riavvicinamento alla famiglia, specie se uno dei componenti vive uno stato di disagio.

E la vince sul punto, visto che il CCNI  prevede l’accoglimento della domanda di mobilità e godere del diritto di precedenza nei casi previsti dalla L.104/92 ,come anche il ricongiungimento al figlio minore ed al coniuge. Ma tutto questo, spesso, viene ignorato dal ministero, e occorre che il diritto venga sancito da un giudice.

Soltanto a Messina, proprio nei giorni scorsi, abbiamo la vittoria di 2 docenti sulla negligenza ministeriale: una, docente a Roma, ha potuto rientrare, dopo sentenza, ed accudire l’anziano padre malato; un altro, da Venezia, con un figlio minore, ha ottenuto il trasferimento nella sua terra.

Da anni perseguo il diritto alla mobilità totalmente dimenticato dal Ministero, ho sempre presentato emendamenti ad ogni provvedimento per risolvere un annoso problema che vede coinvolti tantissimi docenti lontano dalle loro famiglie, emendamenti che sono stati tutti bocciati da tutti i governi che si sono succeduti in questi 4 anni, compreso quello attuale.

Hanno chiuso la porta a migliaia di docenti di ruolo con storie drammatiche alle spalle, storie di famiglie che si separano, di rapporti coniugali che si spezzano, di bambini cresciuti senza madri o padri, di genitori anziani rimasti soli a km di distanza.” Lo dice Ella Bucalo, deputato di Fratelli d’Italia e responsabile del dipartimento Scuola.