graduatorie-docenti
graduatorie-docenti

Graduatorie Provinciali per le Supplenze, graduatorie di istituto e graduatorie interne di istituto: mentre si attende l’ufficializzazione dell’aggiornamento delle GPS e delle graduatorie di istituto, potrebbero sorgere dei dubbi in merito alle differenze tra le diverse graduatorie. Vediamo, pertanto, di ricapitolare la composizione delle graduatorie docenti, in base alla loro tipologia.

GPS, graduatorie di istituto e interne di istituto: composizione, tipologia e differenze

Le GPS, ovvero le Graduatorie Provinciali per le Supplenze, sono state istituite due anni fa con l’Ordinanza Ministeriale N. 60/2020 per essere utilizzate, primariamente, per il conferimento degli incarichi di supplenza annuale (al 31 agosto) oppure sino al termine delle attività didattiche (30 giugno). Le GPS sono divise in due fasce: la prima è riservata ai docenti abilitati, la seconda a chi non possiede l’abilitazione. 

GPS

Per quanto riguarda le GPS della scuola infanzia e primaria, in prima fascia sono inseriti gli insegnanti in possesso dell’abilitazione (diploma magistrale, Laurea in Scienze della Formazione Primaria). La seconda fascia GPS infanzia e primaria, che comprende gli studenti del terzo, quarto e quinto anno del corso di laurea in SFP, dovrebbe essere eliminata secondo quanto contenuto nella bozza del nuovo Regolamento per le Supplenze (tale disposizione, però, dev’essere ancora ufficializzata). 

Per quanto concerne, invece, le GPS della scuola secondaria, in prima fascia sono inseriti i docenti abilitati. La seconda fascia si distingue in:

  • seconda fascia classi concorso Tabella A (docenti): chi è in possesso del titolo di accesso prescritto per la classe di concorso + 24 CFU; chi è in possesso del titolo di accesso che hanno abilitazione su altra classe di concorso o altro grado; chi è già inserito nelle graduatorie d’istituto per la medesima classe di concorso;
  • seconda fascia classi di concorso Tabella B (profili ITP): chi è in possesso del titolo di accesso + 24 CFU; chi ha il titolo di accesso + abilitazione in altra classe o grado; soggetti già inseriti per la medesima classe di concorso.

Vi sono, poi, le GPS sostegno, anch’esse suddivise in prima e seconda fascia. In prima fascia, sono presenti i docenti specializzati su sostegno nel relativo grado. In seconda, invece, i soggetti privi della specializzazione che, entro l’anno scolastico 2019/20 abbiano maturato tre anni di servizio su posto di sostegno nel relativo grado e che abbiano o l’abilitazione o il titolo di accesso alla GPS di seconda fascia su quel grado di istruzione. Per l’inserimento nelle GPS, si può scegliere una sola provincia.

Graduatorie di istituto

Le graduatorie di istituto, a differenza delle GPS, vengono utilizzate solo per le supplenze brevi (maternità, malattia, etc…). Queste si distinguono in tre fasce:
– la prima fascia comprende i docenti abilitati presenti nelle GAE (Graduatorie ad Esaurimento);
– la seconda fascia include coloro che sono presenti nella GPS di prima fascia, ovvero i docenti in possesso dell’abilitazione;
– la terza fascia riguarda i docente inseriti nelle GPS di seconda fascia, ovvero i soggetti non abilitati.

Per le graduatorie d’istituto è possibile indicare al massimo 20 scuole: tale disposizione vale anche per i docenti della primaria e dell’infanzia.

Dal 2020, con il nuovo aggiornamento delle graduatorie, la graduatoria di terza fascia è stata eliminata. Pertanto, coloro precedentemente inseriti in seconda fascia ora si trovano in prima fascia GPS (gli abilitati), chi, invece, era presente in terza fascia, ora è passato in seconda fascia GPS (docenti non abilitati ma con i requisiti per gli incarichi di supplenza e per la partecipazione ai concorsi).

Graduatorie interne di istituto

Le graduatorie interne di istituto sono graduatorie che vengono redatte dai dirigenti scolastici, sulla base del numero dei docenti presenti nell’istituzione scolastica: tali graduatorie vengono impiegate al fine di individuare gli eventuali ‘perdenti posto’, ovvero in quei casi in cui si rendesse necessario ridurre il numero di posti e/o cattedre.

La pubblicazione delle graduatorie interne all’Albo dell’istituzione scolastica viene disposta nei quindici giorni successivi alla scadenza delle domande di mobilità. La scadenza per la presentazione delle domande è il 21 aprile, ragion per cui le graduatorie saranno pubblicate dal 22 aprile al 6 maggio.
Tutti i docenti titolari nella scuola devono compilare una scheda finalizzata alla valutazione del punteggio: in base a tale punteggio, si procederà a stilare l’elenco.

La graduatoria interna viene predisposta ogni anno e per ogni classe di concorso e tipologia di posto presenti nell’organico dell’autonomia scolastica. In ciascuna graduatoria a parità di punteggio prevale la maggiore età anagrafica. I docenti già presenti nell’anno scolastico precedente sono chiamati ad aggiornare il proprio punteggio. I docenti arrivati nella scuola per trasferimento o immissione in ruolo vengono inseriti in coda, a prescindere dal loro punteggio.