diplomati magistrali
diplomati magistrali

Il 2022 è un anno intenso per i precari, divisi tra prove concorsuali e aggiornamento delle Gae. Inoltre, sembra ormai confermato che, prima dell’inizio dell’estate, ci sarà anche l’aggiornamento delle Gps, sebbene non si conosca ancora la data.

Nel mondo del precariato scolastico della scuola primaria e infanzia ci sono ancora molti Diplomati Magistrali che nel tempo si sono visti sfumare davanti agli occhi il ruolo, conquistato tramite ricorso con riserva e poi, nella maggior parte dei casi, tolto a seguito di sentenza di merito negativa.

Molti di loro sono riusciti successivamente ad essere assunti nuovamente a tempo indeterminato (ma stavolta a pieno titolo) partecipando ai concorsi che si sono susseguiti in questi anni ed entrando in lunghe graduatorie di merito in attesa dell’agognato ruolo. Altri invece hanno mantenuto lo status di precari, preferendo continuare a svolgere supplenze attendendo che possa essere ripristinato il doppio canale di reclutamento, in vista di una possibile assunzione, anche per il posto comune, dalle Gps.

Nel frattempo, da parte di questi insegnanti, sorgono i primi dubbi in vista dell’aggiornamento di queste graduatorie.

Diplomati Magistrali in ruolo con riserva, come dichiarare il servizio

Chi, tra i Diplomati Magistrali, è già incorso nell’esito negativo del ricorso pendente, perdendo così il ruolo, si sta chiedendo come dovrà dichiarare nelle Gps il servizio svolto negli anni in cui ha avuto il ruolo con riserva.

Ovviamente potrà essere conteggiato il punteggio maturato e nella domanda di aggiornamento delle Gps dovrà dichiarare questi anni come servizio preruolo, e quindi esattamente come il servizio svolto in qualità di supplente negli anni precedenti all’assunzione a tempo indeterminato con riserva.

Stessa cosa vale anche per chi non è ancora stato licenziato e attende l’esito del ricorso (che molto probabilmente si accoderà alle altre sentenze di merito negative).

Speranze per il reclutamento dalle Gps posto comune?

Sembra confermato che anche per il prossimo anno scolastico si attingerà dalle Gps per assumere in ruolo su posto di sostegno.

Nulla invece sembra trapelare per quanto riguarda il reclutamento dalle Gps su posto comune, nonostante da anni se ne continui parlare, senza mai concretizzare le proposte avanzate da alcune forze politiche e da alcune associazioni scolastiche.