Famiglia
Famiglia

Assegno unico 2022: nel corso del mese di aprile sono in arrivo dei nuovi accrediti. Vediamo subito chi riceverà il bonus e come potrebbero cambiare gli importi a seconda dei casi. Ecco tutto quello che c’è da sapere a riguardo. Le informazioni contenute nel comunicato stampa Inps del 1° aprile 2022.

Assegno unico: in arrivo nuovi accrediti

Secondo quanto annunciato dal comunicato stampa Inps del 1° aprile 2022, sono in arrivo nuovi accrediti riguardanti l’assegno unico 2022.

A riceverlo, stavolta, saranno anche i nuovi beneficiari che hanno presentato la domanda nel corso di marzo. A tal proposito, ci si aspetta presumibilmente che l’accredito avvenga verso la fine del mese.

Nel frattempo, però, la macchina dell’Inps è già attiva. Infatti, l’accredito risulta essere al momento per molti in stato di lavorazione.

Inps sta lavorando per i pagamenti dell’assegno per il mese di aprile, che riguarderanno anche le ulteriori 1.097.079 domande pervenute a marzo, per 1.789.250 figli”. Si legge nel comunicato ufficiale.

Tuttavia, non sono mancate neppure alcune segnalazioni da parte dei destinatari, relative ad anomalie riguardanti gli importi. Vediamo subito quali potrebbero essere le cause.

Come possono cambiare gli importi

L’importo che si riceve tramite l’assegno unico è il risultato di due fattori:

  • una quota variabile progressiva che va da un minimo di 50 euro in assenza di ISEE o con ISEE pari o superiore a 40 mila euro ad un massimo di 175 euro per ciascun figlio minore con ISEE fino a 15 mila euro, con una maggiorazione in alcuni casi specifici;
  • una quota di maggiorazioni per il nucleo familiare con ISEE fino a 25.000 euro che nel corso del 2021 ha percepito gli assegni al nucleo familiare per figli minori. Una integrazione transitoria destinata ad esauristi progressivamente entro il 2025.

Ad incidere, inoltre, sulla cifra erogata potrebbero esserci anche eventuali conguagli ed arretrati, dovuti per esempio ad un ISEE presentato in ritardo o irregolare per via di difformità ed omissioni.

Per questi motivi, l’importo ricevuto per ciascun figlio potrebbe di fatto cambiare nel corso dei mesi, man mano che si effettuano tutte le precisazioni e le correzioni del caso.