Disegno stilizzato docente alla lavagna
Disegno stilizzato docente alla lavagna

Pensione scuola, effetto Quota 102: domande in calo nel 2022 rispetto all’anno precedente. Cerchiamo di capire subito quali sono le cause all’origine di un simile fenomeno. Tutti i numeri relativi alla prima parte dell’anno. Ecco che cosa c’è da sapere a riguardo.

Nel 2022 domande di pensionamento in calo

Come ha recentemente evidenziato anche il quotidiano di informazione economica ‘Il Sole 24 Ore’, nel corso del 2022 si è registrato un calo generale delle domande di pensionamento. In un anno, infatti, le richieste di pensione fra il personale scolastico sono scese di ben 12 mila unità. Nello specifico, si va dalle oltre 36 mila nel 2021 alle 24 mila nel 2022.

Dati confermati in linea di massima praticamente in tutta la Penisola, con picchi nel Nord Italia e nelle Isole (-40% in Veneto, -39% in Sardegna, -37% in Sicilia e -35% in Lombardia). Ma quali potrebbero essere esattamente le cause all’origine di un simile fenomeno? Scopriamolo subito.

Pensione scuola: effetto Quota 102

All’origine del drastico calo delle domande di pensionamento si possono ritrovare sicuramente diverse ragioni. Tra le più probabili vale la pena ricordare:

  • la fine di Quota 100, molto più vantaggiosa rispetto a Quota 102;
  • misure di anticipo pensionistico troppo penalizzanti ed onerose, come ad esempio Opzione donna o il riscatto della laurea;
  • gli effetti della pandemia che spingono gli italiani a ricercare una maggiore sicurezza a livello economico e stipendiale;
  • la discussione ancora aperta tra governo e sindacati a proposito di un’imminente riforma delle pensioni, al momento rallentata dalle questione internazionali.

Insomma, si potrebbe parlare di un vero e proprio effetto Quota 102, dovuto al fatto che i lavoratori prossimi alla pensione, soprattutto quelli del comparto scolastico, sembrano non voler lasciare il proprio lavoro in una situazione di incertezza e transizione come quella attuale.

Ricordiamo, a tal proposito, che Quota 102 dovrebbe essere di fatto una misura temporanea che dovrebbe portare l’Italia nel corso dei prossimi mesi ad una riforma strutturale del sistema previdenziale.