TFA sostegno
TFA sostegno

TFA sostegno 2022: in vista dell’attivazione del percorso di formazione per il conseguimento della specializzazione necessaria all’attività didattica di sostegno agli alunni con disabilità, continuiamo a fornire chiarimenti in merito alla procedura. Per il VII ciclo sono disponibili 25.874 posti in tutto, ripartiti tra scuola dell’infanzia, primaria, secondaria di I e II grado, ma ogni volta il numero dei candidati supera di gran lunga le disponibilità: chi riuscirà ad ottenere l’ammissione al VII ciclo del Tirocinio Formativo Attivo? Cerchiamo di capire meglio la procedura che si seguirà.

Ammissione alla prova preselettiva del TFA sostegno VII ciclo

Come ricordato in altre occasioni, ogni Università predisporrà in autonomia la prova di accesso che si articolerà in un test preselettivo (per cui il Ministero ha indicato delle date uguali su tutto il territorio nazionale in relazione ai vari gradi di istruzione), una prova scritta e pratica (laddove l’Ateneo la disponga) e un esame orale.

Potranno presentare domanda di partecipazione alle prove preselettive soltanto gli aspiranti in possesso dei requisiti richiesti per ciascun grado di istruzione e stabiliti dal DM 92/19. Si potranno ammettere con riserva tutti i candidati che, avendo ottenuto il titolo abilitante all’estero, hanno presentato la relativa richiesta di riconoscimento alla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione: il tutto deve avvenire entro i termini indicati per la presentazione delle richieste di partecipazione alla procedura di selezione.

CONSIGLIAMO: TFA Sostegno nella Scuola Secondaria di I e II grado – Teoria e Quiz per la preparazione alle prove d’accesso ai percorsi di specializzazione

Ammissione alla prova scritta e orale

Potrà accedere alla prova scritta (o alle prove scritte/pratiche in base a quanto deliberato da ogni singolo Ateneo) un numero di candidati uguale al doppio dei posti messi a bando in quella determinata sede e stabiliti dal Decreto Ministeriale n. 333 del 31 marzo 2022. Se più candidati conseguono lo stesso punteggio dell’ultimo aspirante ammesso, si procederà con la loro ammissione.

Accederanno all’orale tutti coloro che avranno ottenuto un punteggio minimo di 21 punti su 30 nella prova scritta e nell’eventuale prova pratica: in presenza di più prove, il punteggio che determinerà l’ammissione alla fase successiva sarà dato dalla media dei punti ottenuti (resta sempre il minimo di 21).

Ammissione al percorso di formazione

I candidati che si trovano in posizione utile nelle graduatorie finali di merito in base ai posti messi a bando otterranno l’ammissione al VII ciclo del TFA Sostegno: in caso di eventuali rinunce si scorrerà la graduatoria. Qualora il numero dei candidati ammessi fosse inferiore al numero dei posti disponibili, è possibile ammettere altri aspiranti di altri Università, che superando tutte le prove non sono riusciti comunque a collocarsi in posizione utile rispetto ai posti previsti. Tali candidati devono presentare esplicita richiesta: in questo caso gli Atenei procederanno con la rivalutazione dei titoli in base ai propri criteri di valutazione adottati.

Infine, si potrà procedere con l’ammissione in sovrannumero di quei candidati che, pur avendo superato tutte le prove e collocatesi in posizione utile, non si sono iscritti per vari motivi ai cicli di specializzazione precedenti.