Quiz a crocetta
Quiz a crocetta

Concorso ordinario per la scuola superiore, continuano le polemiche in merito all’alto numero di bocciature riscontrato e ai cosiddetti quiz a crocetta. Da più parti viene invocato un drastico cambio di direzione, in quanto questo sistema è assolutamente inadatto per una selezione qualitativa dei candidati che aspirano al ruolo.

Un concorso che viene paragonato a quiz televisivi, domande che non trovano risposte logiche e che, soprattutto, non hanno nulla a che vedere con la preparazione professionale dei candidati. I docenti si ribellano: ‘Diteci una volta per tutte cosa è necessario affinché gli insegnanti diventino “abbastanza” per poter svolgere il proprio ruolo’.

Concorso ordinario per la scuola secondaria, Anief avvia i ricorsi

A proposito di quanto sta accadendo nelle prove scritte del concorso ordinario per la scuola secondaria, il presidente nazionale di Anief, Marcello Pacifico, ai microfoni di ‘Italia Stampa’, ha parlato di vero e proprio ‘scandalo‘, in quanto sono state inserite risposte palesemente sbagliate, come quelle sugli articoli della Costituzione italiana e non sulle discipline specifiche delle classi concorsuali. 

Pacifico ha dichiarato che Anief sta raccogliendo centinaia di segnalazioni su errori evidenti presenti nella prova scritta, errori che hanno contribuito a determinare una ‘strage degli innocenti’.
Proprio a motivo delle numerose segnalazioni, Anief ha avviato le procedure per contestare al Tar Lazio l’esclusione di migliaia di candidati dalle prove scritte.

Il sindacato, a questo proposito, invita i candidati al concorso ordinario per la scuola secondaria che hanno riscontrato quesiti errati, risposte sbagliate oppure fuori luogo a segnalare tali anomalie all’indirizzo email segnalazione.concorso@anief.net

Marcello Pacifico ha spiegato quale sarà la linea di condotta dell’azione legale che si intende intraprendere: ‘Chiederemo di fatto l’inserimento dei ricorrenti alle prove successive, con riserva di accertamento del merito della erronea procedura. Non è più possibile continuare ad assistere a selezioni del genere. A questo punto bisogna risolvere comunque il problema del precariato, per questo il ministro Bianchi deve accogliere la nostra richiesta di un doppio canale di reclutamento, così come si è fatto sempre, bisogna assumere i precari da quelle su delle graduatorie che vengono utilizzate quando devono essere nominati come supplenti’.

Per la pre-adesione al ricorso, è possibile collegarsi al seguente indirizzo: https://anief.org/ricorsi/concorso-ordinario-2020-secondaria/ricorso?id=1283:concquesi&cid=124:concorso-ordinario-2020-secondaria