Docente alla cattedra
Docente alla cattedra

Precariato docenti, lo studio legale Esposito-Santonicola rende noto l’accoglimento giudiziario maturato presso il Magistrato del Lavoro di Sciacca di un ricorso presentato da un docente con tre anni di servizio nella scuola secondaria statale.

Docenza pluriennale è considerata titolo equiparabile all’abilitazione: sentenza

I legali Aldo Esposito e Ciro Santonicola hanno esposto i fatti che hanno portato alla sentenza emessa dal Giudicante del Lavoro di Sciacca.
L’obiettivo dell’azione giudiziaria “individuale” era quella di far emergere il diritto ad essere inquadrato nelle superiori graduatorie degli abilitati, avendo acquisito, l’interessato, una “abilitazione di fatto” all’insegnamento, in ragione dell’attività di docenza prestata per oltre 36 mesi.

La condizione soggettiva della parte ricorrente (docente della scuola secondaria che ha prestato attività di insegnamento in forza di plurimi contratti a termine tra gli anni scolastici 2013/14 e 2018/19) ha portato al ricorso in quanto è stata impedita la sua collocazione nelle ‘graduatorie degli abilitati‘ (con riferimento alle classi di concorso e alla provincia di interesse).

Il Giudicante del Lavoro di Sciacca, assegnatario della pratica, con recentissima sentenza (no provvedimento cautelare), in piena sintonia con le tesi dello studio legale Esposito Santonicola, si è espresso nei seguenti termini:
… Una recente pronuncia del Consiglio di Stato, aderendo all’orientamento interpretativo espresso dalla Corte di Giustizia, ha sostanzialmente equiparato il conseguimento dell’abilitazione allo svolgimento dell’insegnamento per un periodo superiore al triennio.

Sostiene, invero, il Consiglio di Stato che “… l’avere svolto attività didattica presso le scuole statali per oltre tre anni è considerato titolo equiparabile all’abilitazione, secondo i principi enunciati nella sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea del 26 novembre 2014, nelle cause riunite C-22/13, da C-61/13 a C-63/13 e C-418/13 (cd. sentenza Mascolo)” e che, “Del resto, un’identica equiparazione tra lo svolgimento di almeno tre annualità di servizio ed il titolo abilitativo è contenuta nell’art. 1, quinto comma, lett. a) del D.L. 29 ottobre 2019, n. 126, convertito con L. 20 dicembre 2019, n. 159, ai fini dell’indizione di una procedura straordinaria finalizzata alla stabilizzazione di ventiquattromila docenti precari per concorso, cui potranno partecipare coloro che hanno svolto tra il 2008/09 ed il 2019/20 almeno tre annualità di servizio nelle scuole secondarie statali” (così pronuncia n. 4167/20).

In buona sostanza, è stato accertato il diritto del ricorrente al riconoscimento dell’anzianità maturata in tutti i servizi non di ruolo prestati, con la medesima progressione professionale prevista per il personale docente assunto a tempo indeterminato. L’Amministrazione è stata condannata al riconoscimento di tale anzianità, anche ai fini del livello stipendiale spettante al ricorrente.