Decreto N. 62 del Ministero dell'Istruzione
Decreto N. 62 del Ministero dell'Istruzione

Enti Certificatori Lingue Straniere, è disponibile da oggi la nuova Piattaforma Enti Certificatori Lingue Straniere. Il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato, in data odierna, il Decreto ministeriale N. 62 avente come oggetto: ‘Requisiti per la valutazione e il riconoscimento della validità delle certificazioni delle competenze linguistico-comunicative in lingua straniera del personale scolastico‘.

Certificazioni lingue straniere, il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato il Decreto: la nuova Piattaforma è online da oggi, 12 aprile

La nuova Piattaforma Enti Certificatori Lingue è disponibile al seguente indirizzo Web ministeriale: https://piattaformaenticert.pubblica.istruzione.it/pocl-piattaforma-enti-cert-web/ 

La Piattaforma consentirà la presentazione online dell’istanza di accreditamento presso l’elenco ufficiale degli Enti Certificatori delle competenze linguistico-comunicative in lingua straniera, possedute dal personale scolastico.

L’articolo 2 del suddetto Decreto indica i requisiti per il riconoscimento delle certificazioni. Qui si legge: Ai fini del riconoscimento delle certificazioni delle competenze linguistico-comunicative in lingua straniera sono considerati requisiti fondamentali quelli di seguito indicati: 

  • a. la conformità al QCER e, in particolare, alla scala dei sei livelli specificati nella “Scala Globale” e nella “Griglia di Autovalutazione”; 
  • b. l’attestazione del livello finale di competenza linguistico-comunicativa del candidato espresso solamente in base ai descrittori del QCER; 
  • c. la valutazione ottenuta dei livelli di competenza raggiunti in ognuna delle abilità di comprensione (ascolto, lettura), di interazione/produzione orale e di produzione scritta;
  • d. la presentazione, da parte dell’Ente certificatore, di una tabella di conversione dei livelli di competenza raggiunti nelle varie prove e delle corrispondenti valutazioni assegnate, con quelli previsti dal QCER.

Riportiamo qui sotto, il testo integrale del Decreto.

DECRETO