Asilo
Asilo

Maltrattamenti a scuola: purtroppo la questione ritorna sempre alla ribalta, affollando le pagine dei quotidiani. Di qualche ora fa, infatti, la notizia di una maestra condannata a Frosinone per aver maltrattato dei piccoli alunni, ieri un altro caso a Roma e un altro ancora a Palermo.

I casi di maltrattamenti degli ultimi giorni

In queste ultime ore giungono le notizie di condanne subite da alcune maestre per aver effettuato dei maltrattamenti tra i banchi di scuola: a farne le spese i piccoli alunni della scuola dell’infanzia. È il caso di due insegnanti di una scuola materna di Frosinone, condannate a due mesi di reclusione per aver abusato, tra il 2014 e il 2015, di mezzi di correzione e disciplina nei confronti di una ventina di bambini che avevano tra i due e i quattro anni. Come riportato dall’Adnkronos, l’accusa è quella di aver “strattonato e trascinato i bimbi afferrandoli per un braccio” e “di avere vietato di recarsi in bagno’, mettendosi a urlare.

Altro caso è quello dei bimbi di un asilo di Roma, che in base alle ricostruzioni della polizia e a quanto riporta ‘RomaToday’ hanno ricevuto spintoni, schiaffi e insulti da parte di due suore e di un’educatrice, finita a processo proprio in questi giorni. Alla scoperta dei fatti, che risalgono al 2019, si è giunti a seguito delle segnalazioni di alcuni genitori i cui figli avevano paura ad andare a scuola. Attraverso l’installazione di telecamere e dispositivi audio si sono scoperti atti inammissibili subiti dai bambini.

Ed ancora a Palermo, il caso della maestra nella scuola materna Petrarca, condannata a due anni con rito abbreviato per maltrattamenti agli alunni avvenuti fra il 2013 e il 2016. La denuncia partì, questa volta dalla stessa scuola.

La scuola deve essere un luogo sicuro

Senza alcun dubbio siamo tutti concordi nel sostenere che la scuola è e deve essere un luogo sicuro per gli studenti, di qualsiasi fascia di età: un posto in cui non devono avere spazio cose del genere. Ogni alunno deve avere la possibilità di crescere in un clima positivo, tranquillo, costruttivo ed educativo: simili atteggiamenti, come è facile intuire, possono avere invece ripercussioni molto pesanti sul bambino e sul suo sviluppo psico-emotivo. Nell’atto di accusa della maestra di Frosinone, infatti, la procura scrive che i comportamenti delle maestre hanno portato all’insorgenza nei piccoli di “disturbi traumatici e post traumatici quali la fobia scolare, disturbi del controllo degli impulsi e chiusura relazionale”.