Mascherine per gli esami
Mascherine esami

L’uso delle mascherine a scuola ha suscitato le polemiche di molti, soprattutto di studenti e genitori: con l’aumento delle temperature che rendono più calde gli spazi scolastici, il problema è diventato ancora più rilevante. Si è sperato che per gli esami di Maturità e di Terza media studenti e docenti fossero liberati da questo obbligo: invece il Tar del Lazio ha espresso parere contrario al ricorso presentato da Codacons, decidendo di mantenerne l’uso per  tutto lo svolgimento degli esami. Dal governo, però, potrebbero arrivare in extremis nuove disposizioni.

Rimane l’obbligo delle mascherine anche durante gli esami di Stato

Per Codacons la decisione del TAR del Lazio di mantenere l’obbligo delle mascherine per l’intero svolgimento degli esami di Terza media e maturità è estremamente grave e sbagliata. “Una decisione che dimostra come il Tar non abbia compreso che la legge ha integrato l’ordinanza impugnata, per cui il ricorso doveva essere proposto proprio contro quella ordinanza ministeriale” ha spiegato il Codacons. “Il risultato di questo errore commesso dal Tar sarà che gli studenti dovranno affrontare gli esami di maturità e di terza media indossando la mascherina, con tutti i disagi e i fastidi del caso, considerato il caldo di questi giorni e le temperature raggiunte nelle aule scolastiche“.

Al coro del dissenso si è unito anche il sottosegretario della Lega Matteo Salvini, per cui l’obbligo delle mascherine è solo una scelta ideologica, che non trova riscontro in dati scientifici certi, e il sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso, che ritornando nuovamente sulla questione, ha affermato che il problema è “il mancato provvedimento del ministero della Salute per revocare l’obbligo“. In un post su Facebook ha così commentato l’eliminazione dell’obbligo in merito alle elezioni elettorali del 12 giugno: “Sono ancora più convinto a questo punto che non vi siano motivazioni scientifiche alla base del perdurare dell’obbligo delle mascherine a scuola, ma solo l’ideologia anti-scientifica del Ministro Speranza. Basta con queste imposizioni assurde e diseducative, regole anacronistiche che vanno superate. Basta accanirsi sugli studenti, lasciamoli respirare in pace”.

Si attendono notizie dal governo

Dopo la sentenza del TAR del Lazio, si attendono notizie adesso dal Governo. Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, a Rai Radio1 ha affermato che basterebbe un decreto legge emanato anche all’inizio della prossima settimana: “Credo che sulla scorta della scelta fatta per regolamentare i flussi dei seggi durante il voto, con la stessa coerenza, io credo che si possa dire che i nostri ragazzi quando vanno a fare l’esame, possano non indossare la mascherina”.

In prossimità del 15 giugno, momento in cui verrà meno l’obbligo di vaccinazione per gli over 50 e di mantenere le mascherine al chiuso, considerando i dati epidemiologici in calo, il governo potrebbe decidere di abolire l’imposizione: occorre quindi attendere i prossimi giorni.