Parlamento
Parlamento

Decreto PNRR 2, si complica la strada in merito al maxi emendamento, di cui abbiamo riportato notizia quest’oggi, che comprende diverse importanti questioni come il ‘salvataggio‘ della Carta del Docente e il taglio degli organici. Sono stati votati tutti gli emendamenti, tranne il maxi emendamento sul quale sarebbe in atto un vero e proprio braccio di ferro tra il governo e il Parlamento. Vediamo, in dettaglio, gli ultimi aggiornamenti.

Carta del Docente e tagli organici, maxi emendamento in stand by: gli ultimi aggiornamenti

La votazione del decreto N. 36, come riporta Orizzonte Scuola, sarebbe stata rimandata: dunque, per il momento, nessun via libera ad una proposta emendativa che avrebbe apportato importanti modifiche al decreto PNRR 2

MEF, RdS e Ministero Istruzione si sarebbero messi di traverso

Secondo gli ultimi aggiornamenti, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, la Ragioneria dello Stato e il Ministero dell’Istruzione si sarebbero messi di traverso in merito all’accoglimento delle richieste formulate. La votazione è stata sospesa e verrà aggiornata lunedì mattina, 20 giugno.

Di certo, ci si aspettava un atteggiamento più morbido da parte del governo che, invece, sembra intenzionato a respingere l’emendamento presentato da una maggioranza compatta. Manco a dirlo, l’ostruzione dell’esecutivo è motivata dal capitolo spese: il maxi emendamento non riuscirebbe a garantire una copertura finanziaria. 

Carta del docente e tagli organici, dibattito rinviato a lunedì 20 giugno

Nei giorni scorsi si sono accavallate diverse indiscrezioni: dapprima il MEF avrebbe dato il proprio OK solamente per una copertura parziale della Carta del Docente (solo per il 2022) respingendo il capitolo tagli degli organici (quasi 10mila cattedre di potenziamento) in quanto sarebbe stato impossibile reperire i fondi necessari. Lo spiraglio, successivamente, è arrivato con il maxi emendamento ma, secondo le ultime notizie, il MEF sarebbe intenzionato nuovamente a frenare qualsiasi tipo di intervento, sia per quanto riguarda la Carta del Docente che per i tagli agli organici.

La situazione è ancora in stallo in Senato, il dibattito riprenderà lunedì prossimo, 20 giugno, con la speranza che governo e maggioranza in Parlamento riescano a trovare un accordo. Ricordiamo che nel maxi emendamento, sono inclusi altri importanti provvedimenti come l’allungamento della fase transitoria per superare il precariato storico, la riapertura delle graduatorie di merito per gli idonei nei concorsi e la possibile eliminazione dei test a crocette nei prossimi concorsi a cattedra.