assegnazione provvisoria
assegnazione provvisoria

In base alle indicazioni ministeriali, i docenti di ruolo interessati potranno presentare domanda di assegnazione provvisoria per il prossimo anno scolastico 2022/23 dal 20 giugno al 4 luglio 2022: grazie all’accordo tra ministero e sindacati, tutti possono inoltrare l’istanza (ad eccezione degli immessi in ruolo dalla I fascia delle GPS lo scorso settembre 2021) essendo stati aboliti i vincoli. Per avere più possibilità di ottenere il movimento annuale richiesto, i docenti possono produrre fino a 4 domande: di seguito vediamo per quali posti e con quale procedura.

Più possibilità per le domande di assegnazione provvisoria

Oltre che per la propria classe di concorso o posto di titolarità, i docenti possono richiedere in aggiunta l’assegnazione provvisoria per altra c.d.c/posto, sempre per la stessa provincia. Condizione per farlo è essere in possesso della specifica abilitazione per il ruolo e/o c.d.c richiesta: se si chiede il movimento annuale per un grado di istruzione diverso da quello di titolarità, occorre anche la conferma in ruolo per quel segmento. Le domande esprimibili, pertanto, sono le seguenti:

  • Per il posto/classe di concorso in cui si è titolari, con varie possibilità: i docenti di posto comune possono richiedere di lavorare sul sostegno del medesimo grado e viceversa. Nella scuola primaria i titolari di posto comune/sostegno possono chiedere l’assegnazione su posto di lingua. Nella scuola secondaria di I e II grado è possibile lavorare su altre classi di concorso del medesimo grado di istruzione.
  • Per posto e classe di concorso di grado diverso da quello in cui si è titolari

Di conseguenza, ogni docente di ogni grado, avendo i requisiti sopra menzionati, può presentare fino ad un massimo di 4 domande: ad esempio una maestra dell’infanzia può inoltrare richiesta per posto di titolarità (sostegno, comune, lingua), scuola primaria, scuola secondaria I grado e di II grado. Allo stesso modo un professore delle superiori può chiedere assegnazione per lo stesso posto di titolarità (comune, sostegno o c.d.c. diversa se in possesso di abilitazione), per l’infanzia, la primaria, la secondaria di I grado.

Procedura di presentazione della domanda

Nel caso in cui il docente decidesse di presentare più richieste di assegnazione provvisoria, dovrà procedere nel seguente modo: occorre entrare nella pagina di inserimento della domanda, indicare grado di istruzione, provincia, tipologia di istanza (in questo caso assegnazione), e continuare la compilazione con tutti gli altri dati richiesti, salvando il tutto. Per inserire ulteriori domande, è necessario entrare sempre nella pagina di inserimento della domanda, in cui si potrà visualizzare la precedente richiesta inviata o salvata, e procedere nello stesso modo.

L’istanza relativa al proprio grado di titolarità precederà sempre tutte le eventuali altre domande: per queste, il docente deve esprimere l’ordine di trattamento, vale a dire l’ordine con cui si dovranno trattare le eventuali altre richieste presentate. Tale ordine è esprimibile attraverso i numeri 1, 2, 3.