Docenti esperti, la novità: lo prevede il DL Aiuti bis in via di approvazione

Date:

Arrivano i “docenti esperti”: oltre allo stipendio, avranno anche un extra assegno pari a 5.650 euro annui. La misura è contenuta all’interno di un articolo della bozza del DL Aiuti bis.

Docenti esperti con un extra benefit ‘una tantum’ di 5.650 euro all’anno

Tutti i docenti di ruolo che abbiano conseguito una valutazione positiva nel superamento di tre percorsi formativi consecutivi e non sovrapponibili” potranno accedere alla qualifica di ”docente esperto, maturando il diritto ad un assegno annuale ad personam di importo pari a 5.650 euro che si somma al trattamento stipendiale in godimento”, questo il testo contenuto nella bozza del DL Aiuti bis in via di approvazione.

All’interno dello lo schema del decreto legge sopra citato, in cui si legge che la qualifica dei docenti esperti “non comporta nuove o diverse funzioni diverse dall’insegnamento”. Il limite massimo del personale coinvolto è pari a 8.000 unità nelle annualità 2032/2033, 2033/2034, 2034/2035 e 2035/2036.

L’elemento retributivo una tantum ‘accessorio’, solo se si supera il percorso triennale di formazione

Secondo le agenzie di stampa che hanno riportato quest’oggi la notizia, il regolamento prevede anche che “per gli insegnanti di ruolo di ogni ordine e grado del sistema scolastico statale, al superamento del percorso formativo triennale e solo in caso di valutazione individuale positiva è previsto un elemento retributivo una tantum di carattere accessorio, stabilito dalla contrattazione collettiva nazionale, non inferiore al 10% e non superiore al 20% del trattamento stipendiale in godimento”.

Bisogna precisare però che questo punto non rientra tra le misure previste nel provvedimento che approderà domani in Consiglio dei Ministri. Invece, la misura è legata più che altro alla riforma del reclutamento e della formazione degli insegnati, approvata di recente. In particolare, l’articolo 16 ter prevede proprio il piano che dovrebbe servire da fondamenta al DL Aiuti bis.

Secondo le prime indiscrezioni, dunque, si prevede un taglio cospicuo dei contributi nel decreto in discussione, apportando di fatto una leggera lievitazione delle somme degli emolumenti.

Le novità sulla decontribuzione e sul trattamento pensionistico

La famosa decontribuzione porterebbe ad un aumento medio pari all’1% dei redditi fino a 35 mila euro; questa misura dovrebbe essere valida fino e non oltre al 31 dicembre 2022. L’aumento in busta paga, attraverso queste modalità era stato richiesto a gran voce, nei mesi scorsi, dalle sigle sindacali scuola come la Cgil, la Cisl e la Uil.

Facendo un’analisi più attenta dal punto di vista economico fiscale, si constata che tutti i lavoratori (sia pubblici che privati) si troveranno in busta paga una somma maggiorata del proprio emolumento, somma che, nella forma ordinaria, dovrebbe invece andare a rimpinguare le casse dello Stato, sotto forma di quota parte del sistema contributivo pensionistico. Il lavoratore, tuttavia, continuerà a maturare la stessa pensione, senza per questo subire nessuna penalizzazione.

Scuolainforma
Scuolainformahttps://www.scuolainforma.it
Scuolainforma è un blog di informazione per il mondo della scuola. La maggior parte dei suoi autori opera del settore della pubblica istruzione.

Share post:

Newsletter

Ultime Notizie

Potrebbe interessarti
Potrebbe interessarti

Roma, lite tra studentesse in un liceo della Capitale: intervengono i Carabinieri

Un incidente turbolento si è verificato in un istituto...

Concorsi Docenti 2024, prova orale: elenco avvisi USR estrazione lettera [in aggiornamento]

Concorsi Docenti 2024 - Il processo selettivo per i...

Stipendi NoiPA Aprile 2024: qualcosa non torna, cedolini ridotti di circa 100 euro

In Aprile 2024, alcuni dipendenti pubblici potrebbero notare una...