RPD e CIA anche ai supplenti
RPD e CIA anche ai supplenti

Di queste ore la notizia pubblicata sul sito istituzionale della FLC CGIL circa alcune sentenze di merito favorevoli ai ricorrenti, sostenuti dalla federazione della scuola della CGIL, a proposito del diritto di vedersi loro riconosciuto la retribuzione professionale (per i docenti) e il compenso accessorio (per il personale ATA).

Anche il personale supplente ha diritto ai compensi professionali e accessori: lo sostiene da sempre la FLC CGIL

Le sentenze riguardano alcuni docenti e lavoratori del Personale ATA, i quali si sono visti negati negli anni passati il diritto a percepire due importanti riconoscimenti economici, la RDP (Retribuzione Professionale Docenti) e la CIA, ovvero il Compenso Individuale Accessorio, visto che avevano svolto il loro incarico breve in qualità di precari.

Soddisfazione per la FLC CGIL: il GdL di Asti (TO) riconosce al personale scolastico supplente RPD e CIA

Importante riconoscimento da parte del Giudice del Lavoro di Asti (TO) su alcuni ricorsi promossi dalla FLC CGIL. I contenziosi aperti hanno riguardato la Retribuzione Professionale Docenti (RPD) e il Compenso Individuale Accessorio (CIA) ad alcuni docenti e lavoratori del personale ATA ai quali era stato negato loro il diritto ad ottenere tale compenso in quanto lavoratori precari che avevano prestato servizio attraverso incarichi brevi e saltuari.

I ricorsi sono stati vinti dal personale su menzionato grazie al patrocinio dell’Avv. Francesco Americo della FLC CGIL Nazionale. Tanta soddisfazione, dunque, per la confederazione della scuola della CGIL per le sentenze favorevoli.

Tanti i ricorsi in atto che riguardano lo stesso argomento: in tutto tre le sentenze del GdL a favore dei ricorrenti

Bisogna precisare, inoltre, che le sentenze a favore dei ricorrenti sono state più di una, in particolare: la prima, del 25 maggio 2022, mentre le altre due dell’8 e del 27 luglio di quest’anno.

In tutti e tre i dispositivi normativi, favorevoli al ricorso presentato dal legale della FLC CGIL, il Giudice del lavoro del Tribunale di Asti ha riconosciuto senza batter ciglia le motivazioni dei lavoratori, oltre che le argomentazioni presentate del sindacato a loro sostegno.

In tutte le sentenze, infine, viene condannato il Ministero dell’Istruzione, non solo al risarcimento della RPD e della CIA spettanti per legge a tutti i ricorrenti, con gli interessi e con le rivalutazioni economiche maturate fino ad oggi, nonché il pagamento delle spese legali.