supplenze e algoritmo
supplenze e algoritmo

Conferimento supplenze per l’anno scolastico 2022/23, nei giorni scorsi si è tenuto un nuovo incontro tra il Ministero dell’Istruzione e i sindacati in relazione al tanto contestato algoritmo che ha generato le assegnazioni degli incarichi a tempo determinato. La Gilda degli Insegnanti, a questo proposito, ha preparato un documento in cui vengono sintetizzate le argomentazioni.

Algoritmo supplenze GPS, resoconto Gilda sul confronto con il Ministero dell’Istruzione

La Gilda degli Insegnanti ha riassunto nel documento tutte le problematiche che sono state fatte presenti alla rappresentanza del Ministero dell’Istruzione in merito al conferimento delle supplenze. Il sistema, infatti:

  • non ha cancellato tutti coloro che si erano inseriti con riserva in prima fascia e che poi non hanno scelto la riserva entro il 20 luglio; 
  • non ha considerato i decreti di validazione e di correzione del punteggio del servizio dagli anni precedenti in particolare nei casi di inserimento in nuove graduatorie come per esempio per la graduatoria del sostegno di seconda fascia in TAB. 8; 
  • non ha sistemato automaticamente chi in GAE ha presentato modello B e GPS in province differenti; 
  • non ha consentito a chi si inseriva nella medesima TAB. e FASCIA per più classi di concorso, il cui accesso è differente per più lauree conseguite, di fare un distinguo tra gli ulteriori titoli rispetto a quello di accesso per ogni C.d.C, perché il sistema non consente di differenziarli per graduatoria rispetto a quello di accesso, tanto che molti li hanno dichiarati entrambi nel punto B. Per esempio: Laurea in geografia, A021, e laurea in diritto, A046; per entrambi l’inserimento è su una unica fascia, cioè la 2^ in TAB. 4 , dove è possibile inserire entrambi le lauree conseguite come titoli ulteriori, ma solo una tra le due lauree sarà valida come ulteriore titolo per ognuna delle due graduatorie; il sistema, però, non è tarato a riconoscerne la validità rispetto al titolo di accesso, si è quindi proposto di inserire tutti i titoli aggiuntivi una sola volta con accanto la C.d.C di riferimento o il posto e grado, con un filtro rispetto a quelli di accesso. Si è chiesto anche di non dover ripetere più titoli più volte, così come già accade per il servizio; 
  • non ha consentito la correzione in autotutela neanche da parte dell’amministrazione laddove non è stata compilata la sezione A2 relativa alla dichiarazione e attribuzione di punteggio aggiuntivo per procedure selettive, come previsto per esempio per le abilitazioni sul sostegno conseguite tramite TFA ecc.. In tal caso si è chiesto di semplificare la sezione prevista per agevolare nella compilazione. 
  • Rispetto allo scioglimento della riserva per chi ha conseguito il titolo di sostegno tramite TFA entro il 20 luglio, non è stata ben evidenziata la sezione A2 per l’apposizione della barra per conseguimento titolo di specializzazione selettivo quando sarebbe stato opportuno inserirlo tout court in attinenza con il TFA conseguito regolarmente. 
  • Sempre riguardo alla valutazione dei titoli aggiuntivi di cui al punto B della domanda da considerare questa volta per la TAB 7, sostegno prima fascia, si è chiesto di prevedere, già nella domanda, il titolo congiunto alla specializzazione sul sostegno, in linea con la FAQ 54, affinché non si ripresenti un disomogeneo comportamento da parte di ATP e USR , laddove, per esempio, il diploma magistrale o la laurea di accesso al punto A1 per una corrispondente graduatoria rispetto alla specializzazione sul sostegno, sono stati dichiarati e valutati come ulteriori titoli come avvenuto in Toscana rispetto alle altre regioni dove non è accaduto. 
  • Riguardo alla valutazione dei titoli artistici validi per le graduatorie dello strumento musicale poi ci sono state diverse anomalie, il sistema ha calcolato in misura doppia i titoli andando oltre il limite previsto e duplicandoli in caso di inserimento di altre classi di concorso di egual misura.

Si è poi reclamato di risolvere problematiche afferenti rispetto al calcolo dei servizi da graduatoria incrociata su C.d.C di posto comune; difatti, non è stato previsto di computare direttamente nella corrispondente graduatoria da cui è discesa la nomina, il servizio svolto nella graduatoria di sostegno incrociata, per chi chiaramente non è specializzato né inserito nella seconda fascia di sostegno. Per esempio: un docente laureato in A-46, che ha svolto supplenza breve di 15 giorni chiamato da graduatoria incrociata su ADSS poi successivamente chiamato per 123 giorni svolti nella specifica graduatoria, si è visto decurtare il punteggio di 2 punti, poiché ha avuto calcolato da sistema, come servizio specifico in A-46, solo 8 punti per i 123 giorni, mentre non ha avuto computati in aggiunta nella A-46 i 15 giorni svolti su ADSS da incrociata che, di fatto, sono stati considerati a parte pur in assenza di specifica graduatoria ADSS. Il sistema dovrebbe computare il servizio svolto da graduatoria incrociata direttamente sulla graduatoria da cui è discesa la nomina, pertanto, chiediamo di risolvere questa lapalissiana anomalia del sistema! 

È stata infine posta un’istanza di metodo o meglio di programmazione della domanda. Il sistema deve essere organizzato al fine di consentire di verificare i punteggio mentre si compila la domanda come solitamente accade per la mobilità. 

Nella domanda si dovrebbe consentire di comprendere meglio le diverse implicazioni e punteggi tra i titoli ulteriori come per esempio per il Ce Clil e CLIL punto B12 e 13 TAB. 4, valutati rispettivamente 3 o 6 punti. Per evitare errori di compilazione si è chiesto, per esempio, di aiutare graficamente l’aspirante a compilare la sezione corretta della domanda, proponendo di inserire nello spazio preposto alla compilazione, sotto ad ogni definizione del titolo, la dicitura di massima presente nella Tabella di valutazione, con accanto il distinto punteggio, stessa situazione sarebbe utile anche per le lauree triennali e quinquennali che danno differente punteggio ecc. 

Qui sotto riportiamo il testo integrale del resoconto dell’incontro sull’algoritmo supplenze GPS preparato dalla Gilda degli Insegnanti.

RESOCONTO