Supplenze brevi
Supplenze brevi

Stipendi precari e diritto al riconoscimento della RPD (Retribuzione Professionale Docenti), il Tribunale di Torre Annunziata, in una recentissima sentenza emessa ieri, venerdì 11 novembre 2022, ha riconosciuto a una docente il compenso accessorio previsto dall’articolo 7 del CCNL del 15 marzo 2001, compenso che, come noto, è riservato attualmente solamente ai docenti di ruolo e ai precari che sottoscrivono un contratto di supplenza annuale al 31 agosto e al 30 giugno.

CONSIGLIAMO: Insegnare senza farsi male. Le competenze emotive e relazionali del docente e la prevenzione dello stress in classe

Stipendi docenti precari, Tribunale di Torre Annunziata riconosce diritto alla RPD

Come riferisce lo Studio Legale BFI dell’Avvocato Antimo Buonamano, il Tribunale di Torre Annunziata ha esaminato il ricorso di una docente precaria che aveva svolto servizio nell’anno scolastico 2020/2021 con “supplenze brevi”: il ricorso si era posto come obiettivo quello di riuscire ad ottenere il riconoscimento del compenso accessorio della Retribuzione Professionale Docenti, previsto dall’art. 7 del CCNL 15.3.2001 e riservato dall’Amministrazione scolastica esclusivamente ai docenti di ruolo e ai docenti precari titolari di contratti annuali al 31 agosto o al 30 giugno.

Il tribunale di Torre Annunziata con sentenza N. 1550/2022 dell’11 novembre 2022 ha statuito che “accerta e dichiara il diritto della ricorrente al riconoscimento, per il periodo dedotto in Giudizio, della “R.P.D.”; condanna la resistente Amministrazione al conseguente pagamento, in favore della ricorrente, della somma di euro 913,82, oltre accessori di Legge a decorrere dal 28/10/2021, data di notifica dell’atto di messa in mora”.