Legge 104
Legge 104

Legge 104 e precedenza nella domanda di mobilità, una nostra lettrice ci ha inviato un quesito da sottoporre all’Avvocato Angela Maria Fasano riguardante la possibilità di ottenere il trasferimento.

Legge 104 e precedenza nella domanda di mobilità

La nostra gentilissima lettrice scrive: ‘Buongiorno, sono una docente di ruolo di scuola secondaria primo grado da 5 anni. Vorrei porgerLe una domanda. Sono invalida al 67% (ma ho visita INPS dove certamente mi verrà aumentata anche la percentuale), ho 104 articolo 3 comma 1. Nella domanda di trasferimento (vivo a Vercelli ma residente a Salerno) questa situazione può farmi avere la precedenza? Sentendo alcuni avvocati sì, perché l’articolo 21 lo conferma. Il sindacato dice no. Spero che Lei possa aiutarmi. Grazie’.

Risponde l’Avvocato Angela Maria Fasano

Buongiorno, La ringraziamo per il quesito che ci ha sottoposto. L’articolo 21 si applica al soggetto fragile unicamente in combinato disposto con la presenza dei benefici di cui alla legge N. 104, oltre alla presenza di invalidità. Se vi è questo connubio, allora, la docente potrà sempre far valere la precedenza in sede di compilazione della domanda on line per il tramite del portale IOL.

A tal uopo, consiglio alla nostra lettrice di esaminare il verbale di accertamento INPS poichè nello stesso è specificata la presenza del beneficio ex articolo 21. Ad ogni modo, ove se non fosse applicato l’articolo 21, la docente non demordi: allegando idonea documentazione medico in PDF alla domanda, inserisca ugualmente la precedenza.

Alcuni Giudici del Lavoro, infatti, hanno riconosciuto la precedenza anche per situazioni – scrupolosamente documentate – di invalidità lieve.

Cordiali saluti

Avv. Angela Maria Fasano

NB: in vista della mobilità interprovinciale 2023/2024 faremo dei video tutorial relativi alla domanda di mobilità e ai benefici di cui alla legge 104/1992 da inserire in domanda.

LEGGE 104, la giornata di permesso va giustificata? L’Avvocato risponde a tre quesiti