nuove graduatorie regionali sostegno
nuove graduatorie regionali sostegno

A partire dall’a.s 2023-2024 per entrare di ruolo su sostegno, oltre alla consueta procedura concorsuale con la costituzione delle graduatorie di merito, non si attingerà più dalle Gps sostegno. Verranno infatti create graduatorie ad hoc. Stiamo parlando delle nuove graduatorie regionali, la cui procedura di reclutamento la troviamo definita nel Decreto Ministeriale 259 del 30 settembre 2022.

Ricordiamo infatti che le immissioni in ruolo dalle Gps sostegno, definite dall’art 59 comma 4 del D.L n. 73/2021 , rappresentavano una procedura transitoria, chiusasi con l’a.s 2022-2023.

Cosa sappiamo dunque finora sulle nuove graduatorie regionali?

Graduatorie regionali sostegno: bando e requisiti di partecipazione

Allo stato attuale non si conosce ancora la data in cui sarà aperto il bando per la partecipazione alla procedura concorsuale per l’inserimento nelle nuove graduatorie regionali, di durata biennale, destinate ai posti di sostegno. Quel che è certo è che queste graduatorie dovranno essere pronte a tempo per le immissioni in ruolo per il prossimo anno scolastico.

Potranno partecipare tutti i docenti in possesso della specializzazione su sostegno nel grado scolastico d’interesse. Vi potranno rientrare dunque tutti coloro che concluderanno il TFA sostegno VII ciclo.

Inoltre, come si legge nel citato decreto, potranno partecipare a pieno titolo anche coloro che hanno conseguito il titolo estero e quest’ultimo è stato riconosciuto dalla competente Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici. Per chi invece è in attesa di riconoscimento è prevista la possibilità di partecipare con riserva, per cui l’individuazione potrà avvenire dopo il riconoscimento.

I titoli indicati dovranno essere posseduti entro la data di scadenza del termine previsto per la presentazione della
domanda.

Come partecipare

Occorrerà attendere l’uscita del bando, il quale indicherà le date entro cui presentare la relativa istanza e le modalità (che con ogni probabilità saranno comunque telematiche).

Si parla di bando perchè siamo di fronte ad un concorso per soli titoli. E, come è facile intuire, non saranno dunque previste nè prove preselettive nè successive prove scritte e orali per poter accedere alle graduatorie in questione.

Come avverranno le assunzioni con le graduatorie regionali

Le assunzioni dalle graduatorie regionali funzioneranno esattamente come quelle dalle Gps sostegno. Infatti avranno anch’esse carattere di residualità: le nuove graduatorie verranno utilizzate per assegnare i posti di sostegno dei diversi ordini e gradi di scuola che residueranno in caso di esaurimento di tutte le altre graduatorie utilizzabili ai fini delle assunzioni a tempo indeterminato (tra cui GAE e graduatorie dei concorsi).

Chi si troverà in posizione utile si vedrà stipulare per il primo anno un contratto a tempo determinato al 31 agosto. Durante l’anno gi neo assunti dovranno seguire un percorso di formazione e prova con test finale. Chi supererà positivamente il percorso sarà ammesso alla prova disciplinare di idoneità con una commissione esterna (sul modello della prova prevista per i docenti da GPS 1 fascia).

Con il superamento dell’anno di formazione e prova e della prova disciplinare i docenti saranno assunti a tempo indeterminato a partire dal 1° settembre dell’anno scolastico successivo a quello di attribuzione dell’incarico e confermati in ruolo.

Precisazioni Gps I fascia sostegno

Le nuove graduatorie regionali sostegno soppiantano le Gps I fascia sostegno solo con riferimento alle immissioni in ruolo. Le Gps I fascia continueranno ovviamente a permanere per l’attribuzione degli incarichi di supplenza annuale (al 30 giugno o al 31 agosto).

Si tratta infatti di due tipologie diverse di graduatorie, e gli interessati potranno permanere in entrambe le graduatorie.