Il ministro dell'Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara
Il ministro dell'Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara

Smartphone in classe, il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, è stato ospite della trasmissione ‘Porta a porta’ condotta da Bruno Vespa. Tra i vari argomenti trattati, anche quello relativo all’uso dei cellulari in classe.

Valditara: ‘Penso di intervenire sulla vicenda dei cellulari in classe con una Circolare’

Il ministro Valditara ha preannunciato la pubblicazione di una Circolare che conterrà misure restrittive in merito all’uso dello smartphone in classe. ‘Penso di intervenire sulla vicenda dei cellulari in classe con una Circolare – ha dichiarato il numero uno del dicastero di Viale Trastevere – vedremo se fare altre iniziative. Già una Circolare del ministro Fioroni aveva vietato i cellulari nelle classi, quindici anni fa, autorizzando sanzioni, a cui non sono favorevole, nei confronti di chi li usava in aula’. 

Valditara, oltre a citare la Circolare del ministro Fioroni, ha rammentato anche quella ‘sorta di decalogo’ approvata dall’ex ministra Valeria Fedeli, decalogo che avrebbe dovuto liberalizzare i cellulari ma di cui poi non se ne fece nulla. 

Il ministro: ‘In classe si studia, non si chatta’

‘Io interverrò con una Circolare ma sono contrario alle sanzioni – ha ribadito Valditara – Io penso che in classe si va per studiare e non per chattare: nelle scuole italiane si devono prevedere misure adatte perché si rispettino quello che è previsto dalle norme ed evitare che in classe si faccia altro’.

Il ministro ha spiegato che si tratta di un problema di civiltà, in quanto occorre considerare seriamente la scuola, un luogo dove dev’esserci rispetto per gli insegnanti, per gli altri compagni e verso i beni pubblici perché poi è ‘la collettività che mette i soldi per riparare i danni’.