docenti vacanze Natale
vacanze Natale

Le vacanze di Natale sono ormai alle porte e dal 23 dicembre le lezioni saranno sospese per riprendere a gennaio, dopo la festività dell’Epifania. Per più di quindici giorni, quindi, le aule e i corridoi resteranno vuoti, e alunni e docenti potranno ricaricare le batterie in vista della corsa finale di chiusura quadrimestre. Ma per gli insegnanti è davvero così? Hanno degli obblighi a cui attenersi durante le vacanze natalizie? In quali casi? Facciamo il punto della situazione qui di seguito.

Obblighi dei docenti durante la pausa natalizia

Ormai mancano un paio di giorni all’inizio delle vacanze di Natale che, anche quest’anno, segneranno una lunga pausa all’interno dell’anno scolastico: essendo in molte scuole in vigore la settimana corta, per tantissimi le lezioni riprenderanno il 9 gennaio. In questo periodo, tuttavia, i docenti sono a tutti gli effetti in servizio, salvo i casi in cui hanno presentato una richiesta di ferie, aspettativa, congedo o sono in malattia.

Il Dirigente Scolastico può richiamare a scuola il proprio personale docente? Può convocare un collegio docenti, un incontro dipartimentale, può assegnare deliberatamente un compito ad un suo insegnante? Ricordiamo che gli artt.29 e 30 del CCNL/2007 definiscono le attività funzionali all’insegnamento che il collegio docenti organizza ad inizio anno scolastico. Questo aspetto è fondamentale: se tali attività non sono inserite nel Piano Annuale delle Attività deliberato generalmente nel mese di settembre, i docenti non hanno nessun obbligo a prendervi parte. Allo stesso tempo, nessun Dirigente può richiamare in servizio gli insegnanti per svolgere attività individuali di altro genere, come l’organizzazione, il riordino e l’archiviazione del materiale scolastico.

Casi in cui vige l’obbligo

Però, vi possono essere casi in cui i docenti sono tenuti a rientrare a scuola anche durante le vacanze di Natale: si tratta di eventi urgenti, sopraggiunti durante gli ultimi giorni prima delle vacanze, per la cui risoluzione il Dirigente deve necessariamente ricorrere agli organi collegiali. In questo caso, tuttavia, l’ordine del giorno dell’eventuale riunione deve evidenziare dettagliatamente il motivo dell’urgenza sopravvenuta.

Inoltre, i docenti sono tenuti a svolgere anche i corsi di formazione già previsti: se alcune attività formative sono state calendarizzate all’inizio dell’anno scolastico e approvate in sede collegiale, infatti, gli insegnanti che vi hanno aderito non si possono esimersi dal frequentarle.