pensioni
Calcolatrice

Tra le varie novità che riguardano le pensioni, nelle ultime ore il Governo ha rivisto gli scaglioni relativi agli importi per il periodo compreso fra il 2023 e il 2024. Vediamo subito come cambiano le varie fasce a partire dal 1° gennaio.

Le ultime novità sulla Riforma

Pochissime ore fa in Commissione Bilancio alla Camera si è finalmente concluso l’esame degli emendamenti contenuti all’interno della nuova Legge di Bilancio. Giovedì il testo passerà all’Aula e venerdì è atteso il voto. Quali sono a questo punto le ultime novità sul fronte pensionistico? Nessuna sorpresa in particolare, sembra proprio che a partire dal prossimo anno i lavoratori potranno andare in pensione in anticipo con Quota 103, Opzione donna con il requisito dei 60 anni di età (58 e 59 le donne con figli) e l’Ape sociale per alcune categorie di lavoratori. Inoltre, il Governo ha accordato l’aumento delle pensioni minime a 600 euro, ma solo per gli over 75.

Aumento pensioni: nuova rivalutazione dal 1° gennaio 2023

Al di là delle novità sopra riportate, il Governo ha anche rivisto gli scaglioni relativi agli importi pensionistici. Vediamo, quindi, come cambieranno dal 1° gennaio 2023. Innanzitutto, bisogna precisare che dal prossimo anno non sarà più in vigore la rivalutazione basata su tre fasce di reddito, ma su sei. Vediamo come funziona il nuovo modello:

  • le pensioni uguali a quattro volte il minimo (2.100 euro) avranno un aumento di 153 euro;
  • quelle cinque volte il minimo (2.626 euro) saliranno di 162 euro;
  • pensioni sei volte il minimo (3.150 euro) subiranno un incremento di 121 euro;
  • per le pensioni otto volte il minimo (4.200 euro) l’aumento sarà di 144 euro;
  • pensioni dieci volte il minimo (5.250 euro) aumento di 141 euro;
  • per le pensioni oltre dieci volte il minimo l’aumento è di 124 euro.